Debbo ringraziare l’internettiano lettore Argo per il grande assist che mi ha offerto con il suo commento .Lo cito testualmente anche nel mio post : “……Dov’è finita la giusta severità delle commissioni sportive nell’attribuzione degli handicaps o l’accurata selezione a cui dovevano sottoporsi gli aspiranti soci? In uno sport dove l’onestà verso sè stessi gioca un ruolo primario, credo che non ci debba essere spazio per l’italico bottegaio furbetto che ormai imperversa incontrastato nei nostri circoli….” Già, dove è finito tutto ciò? Voi che ne pensate? E che cosa ne pensa, se mai avesse voglia di intervenire al riguardo, un tipo serio come Marco Durante, avvocato, nonchè tra i massimi esperti federali di disciplina e rispetto delle leggi golfistiche?