Visto il dibattito che si era aperto per un post recente dal titolo il brivido dell’ ibrido, mi ero ripromesso, alla prima buona occasione, di tornare sull’argomento dell’attrezzatura. Vi ricordo la questione di fondo: l’attrezzatura moderna, che ha fatto passi da gigante con titanio, grafite etc, davvero  contribuisce a fare un buon giocatore? Ebbene mi ha risposto all’Open d’Italia nientemeno che John Daly quando, in una breve conversazione al riguardo, ancor prima che  arrivassi al dunque se ne è uscito con la seguente frase:” Con i ferri e i materiali di oggi c’è un livellamento agonistico e così la sorpresa in campo può arrivare da chiunque, prima invece col persimmon era diverso, molto diverso…” E se lo dice Big John …Scatenatevi, dunque. E dite la vostra replicando quindi non più a me ma a Daly. 

P.S. Chiedo scusa a Giorgio e agli altri lettori che lamentavano una certa latitanza dall’ultimo post.Quando “latito” le ragioni, potete ben intuire, possono essere molteplici: ferie, inaccessibilità a postazioni internet o prima e soprattutto gli impegni di inviato che mi catapultano sugli avvenimenti della cronaca e non mi consentono di emergere rapidamente….Un abbraccio a tutti e grazie per il supporto!