Beh, ma di questo fenomeno che si chiama Matteo Manassero vogliamo parlarne? O meglio riparlarne? Certamente sì perchè il giovanissimo veronese ha vinto il Castello Masters Costa Azahar, sul tracciato di Campo del Mediterraneo (par 71) a Castellon, nei pressi di Valencia diventando così a 17 anni e 188 giorni di età il più giovane vincitore nell’European Tour. Manassero ha concluso con 268 colpi (68 66 67 67), sedici sotto par, con ben quattro di vantaggio sullo spagnolo Ignacio Garrido (272 – 70 66 68 68)
“ Facevo finta di essere calmo, ma non era affatto così. La vittoria? E’ arrivata molto prima di quanto pensassi, chissà forse anche troppo presto. Il mio obiettivo quest’anno era solo quello di conquistare la ‘carta’ per l’European Tour. Il titolo mi apre nuove opportunità e potrò giocare molti tornei importanti. Mio padre? Credo che seguendomi si sia divertito come mi sono divertito io”. Manassero ha firmato la nona vittoria stagionale individuale dei pro italiani in un anno in cui i fratelli Edoardo e Francesco Molinari hanno fatto parte della squadra europea di Ryder Cup che ha battuto gli Stati Uniti.
SuperMatteo come notavo all’inizio è il più giovane giocatore ad aver vinto nel circuito. Il precedente record era del neozelandese Danny Lee che, nello status di dilettante, fece suo il Johnnie Walker Classic (2009) a 18 anni e 213 giorni. Con i 333.330 euro di prima moneta (su un montepremi di 2.000.00 di euro) è salito al 44° posto nella money list con 641.198 euro, raccolti in nove delle dieci gare del tour, disputate nell’arco di appena sei mesi, in cui è andato a premio. E’ entrato tra i primi cento del World Ranking.