Tito, immobiliarista pentito

Cgil - Convegno Occhio al futuro.069072

Ieri il Civ dell’Inps ha bocciato il bilancio preventivo dell’istituto per il 2017.  Tra i principali rilievi la «carenza di risposte» su questioni rilevanti come la gestione del patrimonio immobiliare. Basta dare un’occhiata alla relazione della Corte dei Conti sulla gestione Inps nel 2015 per scoprire che il mattone previdenziale ha fruttato solo 8 milioni di euro. Eppure gli immobili da reddito di proprietà dell’istituto guidato da Tito Boeri sono circa 30mila (30.362 per la precisione). Questo vuol dire che ogni unità ha reso mediamente 263,49 euro (21,96 euro al mese). L’89% circa del patrimonio era di proprietà degli enti soppressi dei dipendenti […]

  

Tito, manager intristito

Tito Boeri 03 (La Presse)

Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza (Civ) dell’Inps non ha approvato per la prima volta dalla sua istituzione il Bilancio preventivo per il 2017. La motivazione ufficiale è «la mancata attuazione degli indirizzi a suo tempo dati» per via di «carenze di risposte da parte dell’Istituto su punti rilevanti (ad esempio crediti contributivi, patrimonio immobiliare) oggetto di osservazioni anche da parte del Collegio dei sindaci e del ministero del Lavoro». E proprio al dicastero guidato da Giuliano Poletti ritornerà la palla in quanto dovrà farsi carico di concludere un iter che si è bloccato. «La decisione del Civ non ha conseguenze sui […]

  

Niente Orte-Mestre per colpa del governo!

Si fa presto a dire «Sblocca Italia», ma uscire dalla palude della burocrazia che paralizza grandi e piccole opere non sarà facile. Soprattutto se chi deve risolvere i problemi è, in molti casi, l’artefice dell’impasse. Certo, il premier Matteo Renzi, annunciando l’imminente arrivo in Consiglio dei ministri (dovrebbe essere varato il 29 agosto anche se è da metà luglio che la macchina della propaganda governativa si è avviata) dell’ennesimo provvedimento che dovrebbe sturare l’ingorgo normativo (con annessi 4,5 miliardi in 5 anni da destinare alle più importanti opere pubbliche), ha già goduto del suo quarto d’ora di celebrazioni gratuite. Ma […]

  

Cari Comuni, basta salumifici e agenzie di viaggio!

Lo sapevate che il Comune di Roma possiede due aziende agricole? No? Ve lo diciamo noi: si chiamano Castel di Guido e Tenuta del Cavaliere. Non si occupano solo di agricoltura, ma anche di allevamento di bestiame. I cittadini romani con le loro tasse pagano anche questo! Ma è un altro discorso quello che vogliamo affrontare. Pochi giorni fa il Giornale si è occupato del buco nero costituito dalle società a partecipazione pubblica: una voragine che nel 2013 ha inghiottito 26 miliardi di euro, secondo quanto rilevato dal procuratore generale della Corte dei Conti, Salvatore Nottola. Dati incontrovertbili, tutto nero […]

  

«Mago» Renzi moltiplica le poltrone

Delle mirabilie al contrario del decreto di riforma della pubblica amministrazione varato dal premier Matteo Renzi e dal ministro Marianna Madia, il Giornale vi ha già raccontato nelle scorse settimane. Oggi Wall & Street vogliono soffermarsi su una particolarità contenuta nel disegno di legge di riforma che seguirà un iter diverso e più lungo, ma non per questo meno foriero di cattive sorprese. In primo luogo, la bozza prospetta la  creazione di un ruolo unico della dirigenza degli enti locali che vedrà confluire nello stesso, oltre ai segretari comunali e provinciali – professionisti del settore e vincitori di pubbliche selezioni – anche […]

  

Caro Visco, lo sai che la Calabria si compra una banca?

Oggi si celebra l’assemblea dei partecipanti al capitale della Banca d’Italia. Sarà la prima assise dell’«era Renzi» ed è inevitabile, come da prassi, che il governatore Ignazio Visco non colga nelle Considerazioni Finali l’occasione per elencare il cronico ritardo del nostro Paese in materia di riforme, soprattutto in ambito fiscale. D’altronde, l’autorevolezza del relatore già di per sé rafforza il contenuto delle affermazioni. La politica, come al solito, farà orecchie da mercante. Ma non è di questo che vogliamo parlarvi né del probabile richiamo alle Popolari di maggiori dimensioni ad aggiornare la propria governance (è oltre un anno che Visco […]

  

I professori litigano ma l’austerity ci costa 230 miliardi

                    C’è poco da dire. Quando due «cervelloni» se le danno di santa ragione non si può non stare a guardare. In questo caso i contendenti sono tre: da una parte il Nobel Paul Krugman dall’altra gli economisti di Harvard Kenneth Rogoff e Carmen Reinhart. La materia dello scontro è la giustificazione scientifica della necessità di politiche di austerity che, grazie ad Angela Merkel e a Mario Monti, anche in Italia conosciamo bene. Uno «spettacolare comportamento incivile». Così  Rogoff e Reinhart hanno apostrofato il loro collega di Princeton in una lettera di […]

  

Wall & Street © 2019