Divorzio, cosa cambia

pittjolieIl Cavaliere: basta cautele, vogliono arrestarmi

La sentenza 11504/17 della Cassazione (pronuncia Grilli) ha stabilito che l’assegno divorzile, di natura assistenziale, spetta solo al divorziato privo dei mezzi sufficienti a vivere (non a conservare lo stile di vita coniugale) o che non possa procurarseli per ragioni legate all’età, alla salute o al mercato lavorativo. Il divorzio recide ogni rapporto, anche patrimoniale, tra i coniugi. La sentenza della Corte d’Appello di Milano (numero 4793) sul caso di Silvio Berlusconi e della sua ex moglie, Veronica Lario, ha recepito il pronunciamento della Cassazione. Occorre ricordare che uno dei coniugi non può sospendere il pagamento di sua iniziativa, ma […]

  

Non divorziare alla cieca! Fatti un trust!

la-guerra-dei-roses

I nostri patrimoni, indipendentemente dalla loro consistenza, sono esposti a una molteplicità di rischi, non ultimi quelli collegati alla propria attività professionale o alla sfera privata. Le cause di separazione e di divorzio, in assenza di asset protection, possono «impoverire» il coniuge più facoltoso. Un rovescio nella propria azienda o un fallimento possono comportare il pignoramento dei beni. Occorre, perciò, anticipare gli eventi. Come? Con un trust. Cos’è il trust Forse non tutti sanno cosa sia un trust e, perciò, lo ricordiamo. Il trust è uno strumento giuridico di common law riconosciuto anche dal diritto italiano in virtù della ratifica approvata nel 1989 dal Parlamento della Convenzione […]

  

Mutui, l’unione civile vale il matrimonio

mutui

Le unioni civili tra partner dello stesso sono equivalenti al matrimonio. Beh, un attimo, non proprio in tutto e per tutto… Però, giuridicamente quando si tratta di acquistare una casa e di pagare un mutuo producono gli stessi effetti. È quanto rivela un approfondimento curato per conto del sito di comparazione Mutui.it, in collaborazione con Facile.it. Innanzitutto, l’unione civile, definita come formazione sociale tra persone maggiorenni dello stesso sesso, implica automaticamente (se non diversamente richiesto) il regime della comunione dei beni; valgono quindi tutte le disposizioni valide per i coniugi tradizionali in materia, inclusa la trascrizione di tutti gli atti relativi agli […]

  

Vietato divorziare con la crisi

Mai come in tempi di crisi economica separarsi non è un buon affare. (Ovviamente, non è il caso di Gigi Buffon e Alena Seredova). Questa è la sintesi dell’indagine condotta per Immobiliare.it da Demoskopea che ha intervistato un campione rappresentativo dei circa 2.700.000 divorziati e separati italiani per evidenziare le conseguenze che una separazione ha sull’economia personale. Complessivamente in Italia 610.000 divorziati stanno ancora pagando le rate del mutuo ottenuto per comprare la casa coniugale (22,6%), ma se ad un anno dalla fine della relazione questa percentuale sale fino al 54,7%, fra chi è separato da più di cinque anni […]

  

Wall & Street © 2019