Quel miliardo non dovuto per Imu e Tasi

Tasse-sulla-casa

Quasi un miliardo di euro di Imu e Tasi che i contribuenti, anche quelli in condizioni economiche non floridissime potrebbero risparmiarsi. È questo, secondo quanto calcolato da Wall & Street, ciò che lo Stato preleva ai possessori di un’unica abitazione nella quale, però, non risiedono e diventando, pertanto, soggetti all’Imposta municipale unica e alla tassa sui servizi indivisibili. Una prima casa, per essere considerata tale, non deve essere solo la prima a essere acquistata in ordine di tempo, ma anche quella in cui si ha sia la residenza che la dimora abituale. Un’ingiustizia che colpisce soprattutto una delle componenti più deboli […]

  

Uno sfratto costa fino a 10mila euro!

casa olycom 3Confedilizia 01Confedilizia 02Confedilizia 04Confedilizia 03

Nessuno mette in dubbio la spinosità e l’impatto sociale del problema casa, ma in Italia quando si parla di sfratti, è un po’ come se il totem della proprietà privata valesse un po’ di meno. Tanto da far apparire la nostra Penisola una culla (quasi) perfetta per gli sfrattati e un incubo per chi invece ha investito sul mattone o ha ereditato delle proprietà e ha l’idea di ricavarne un pur modesto reddito. Almeno per averne a sufficienza da sfamare l’Agenzia delle entrate tra Imu, Tasi e Tari.  Il punto è il seguente: i proprietari di case alle prese con un […]

  

Casa, un sogno lungo una vita

caseIl mattone - Gruppo TecnocasaCASA

  Ah, la casa! Questo piccolo grande sogno borghese dell’italiano medio. Tanto amata da noi comuni mortali quanto odiata da una classe dirigente miope che in poco più di tre anni (dalla fine del 2011 a quella del 2014) ha aumentato il prelievo fiscale di oltre 29 miliardi. Imu e Tasi non solo hanno rovinato i piccoli proprietari costringendoli a subire un’altra stangata, ma hanno anche devastato il mercato perché hanno deprezzato il rendimento di questo bene. E la nuova riforma del catasto non promette per niente bene giacché si stima un aumento medio delle rendite del 25%, con inevitabili ricadute su Imu, Tasi e canone […]

  

Il prestito forzoso non risolve la crisi

Un nostro affezionato lettore ci ha inviato una mail (a proposito, quella di Wall è gianmaria.defrancesco@ilgiornale.it, mentre quella di Street è massimo.restelli@ilgiornale.it – scriveteci, appena il lavoro ce lo consente saremo felici di rispondervi) ponendoci un interessante quesito su un argomento che non abbiamo mai toccato direttamente, ma solo di sfuggita: il prestito forzoso. Si tratta di un’antica prassi: la sottoscrizione obbligatoria di titoli di Stato per fornire nuove risorse alla finanza pubblica e aiutare l’economia a uscire dall’impasse. Ma sarà veramente così? «Cortesemente vi chiedo per quali motivi lo Stato non possa emettere titoli rappresentativi di un sottostante costituito […]

  

Italiani dallo psichiatra per le tasse di Letta

  Pagare le tasse sta diventando il peggior  incubo degli italiani. I motivi sono evidenti in un Paese dove il fisco ingoia più della metà dei redditi dei cittadini, peraltro già falciati dalla crisi, e dove lo stesso governo Letta pasticcia con le imposte, fino alla beffa dell’Imu e della Tasi. Anche per questo sono in aumento le famiglie e le imprese che ricorrono alle rate per pagare le tasse: 398mila le rateizzazioni concesse da Equitalia nel 2013, per un valore di imposte che supera i 2,9 miliardi. Più dei due terzi delle rateizzazioni (77,2%) riguardano le persone fisiche. In testa c’è  la Lombardia […]

  

Le banche presentano il conto a Gargamella

L’Abi presenta l’agenda al nuovo governo. Sì, proprio quel governo che Pier Luigi Bersani (alias Gargamella per i grillini) vorrebbe presiedere. Il primo punto all’ordine del giorno, però, è già diventato realtà. Nessuna lobby o particolare pressione: sono i miracoli di «fine mandato». L’esecutivo di Mario Monti ormai è alle battute finali e così ha pensato bene di accogliere una richiesta che viene da tutte le categorie produttive (e non solo dalle banche): iniziare il saldo dei debiti della pubblica amministrazione. Per il 2013 sono stati reperiti 20 miliardi e altri 20 sono attesi l’anno prossimo. Con questa mossa il […]

  

Ecco i titoli che vincono con il taglio delle tasse

I tagli delle tasse promessi dai partiti italiani nei loro programmi elettorali ammontano a circa 150-225 miliardi di euro. Questo il calcolo di Mediobanca Securities. La dura realtà è che contrariamente alle promesse, Imu, Irpef, Iva e Tares sono destinate ad aumentare dal luglio 2013, a causa degli aumenti precedentemente concordati – sottolinea però lo studio – e questo certo non andrà a favore della fiducia dei consumatori e della crescita. L’Irap potrebbe essere invece ridotta (e sarebbe positiva per le banche), ma una sua abolizione è irrealistica, poichè i suoi introiti sono pari al 2,5% del pil. Tagliare le tasse, […]

  

Bonsai #13 – Le Poste pagano con la ricaribile

Viste le tasse del governo Monti (la sola Imu rischia di consumare l’intera tredicesima) qualcuno potrebbe essere costretto a sostituire i doni sotto l’albero con biglietti della lotteria o anche semplicemente di auguri. Per chi cerca un’idea regalo c’è tuttavia una possibilità in più: in attesa di Babbo Natale, Poste Italiane ha lanciato “MyPostepay”, una  carta prepagata personalizzabile al costo di 10 euro con la propria foto (o con una delle 600 immagini disponibili). La carta può essere richiesta dal sito www.postepay.it  (l’importo di ricarica minimo richiesto è pari a 5 euro). MyPostepay può essere utilizzata sia online sia negli oltre […]

  

Casa #1 – Quant’è sexy la «nuda proprietà»!

La casa è il grande amore (finanziario e non solo) degli italiani. La crisi, però, costringe all’impotenza molti risparmiatori che vorrebbero soddisfare la propria voglia di casa anche perché le banche sono sempre più restie a concedere un mutuo. C’è però un’idea sexy: la nuda proprietà. Consente di diventare proprietari di un immobile senza spendere troppo. Nel 2012 in Italia questa tipologia di offerta è aumentata del 40% rispetto all’anno scorso, a fronte di una domanda cresciuta del 19%. A dirlo è l’analisi condotta dall’Osservatorio di Casa.it. Cedere un immobile in nuda proprietà consente al venditore di monetizzare senza perdere il diritto abitativo (usufrutto) […]

  

Wall & Street © 2019