Il miglior leader politico

leader politici

  Pubblichiamo un’analisi di Lorenzo Dornetti, esperto di tecniche di marketing, sulla comunicazione politica dei principali leader impegnati nella contesa elettorale. «Facciamo finta che il voto sia la decisione d’acquisto. Immaginiamo che i leader politici siano venditori che attraverso la loro comunicazione debbano convincere i potenziali clienti, gli elettori. Chi è più bravo a vendere, convince più persone. Vende di più, ovvero ottiene più voti. Non entro nella validità delle proposte. Mi interessa solo la tecnica di vendita migliore utilizzata da ogni leader. Berlusconi. La sua forza comunicativa è la ricorsività del messaggio. Le persone tendono a ricordare un messaggio […]

  

#Bankitalia, le #fakenews di #Renzi

renzi_pinocchiomatteo-renziRoberto Rossi 01Zonin 02Banca d'Italia20171201 - Giannini1978902-eurotowerVISCO, DIMOSTRIAMO SAPER USCIRE DA CRISI, NO A CALI TENSIONE

«Il problema delle banche non era il Pd. La commissione d’inchiesta ieri lo ha dimostrato: avevamo ragione noi, qualcosa non ha funzionato». Era tutto gongolante stamattina su Radio Capital il segretario dem, Matteo Renzi, dopo che ieri il procuratore capo di Arezzo, Roberto Rossi, ha dichiarato durante l’audizione in commissione d’inchiesta sulle banche non solo che l’ex vicepresidente di Banca Etruria, Pier Luigi Boschi (padre del sottosegretario Maria Elena), non ha mai partecipato a delibere che abbiano concorso a determinare lo stato di insolvenza, ma anche che «è sembrato un poco strano» che la la Banca d’Italia ne avesse caldeggiato […]

  

C’est ne qu’un début…

C'est ne qu'un débutimage002Juncker (LaPresse)nest-quun-debut-continuons-combat-L-1

I consigli sulle strategie d’investimento arrivano sempre puntuali al termine di ogni consultazione elettorale di particolare rilevanza. Non potevano, perciò, mancare in occasione della vittoria di Emmanuel Macron su Marine Le Pen per le presidenziali francesi. Le principali banche d’affari offrono suggerimenti abbastanza omologati che così possiamo sintetizzare: si tratta di una vittoria per l’Europa perciò conviene puntare sulle azioni del Vecchio Continente (visto che quelle Usa stanno diventando costose e la Fed sta rialzando i tassi), mentre sul mercato obbligazionario bisogna continuare a cogliere le opportunità di rendimento. Gli esperti di Pimco, tuttavia, sottolineano che gli investitori dovrebbero evitare di […]

  

Renzi ci è già costato 100 miliardi

Renzi 01 (LaPresse)

I dati aprile-dicembre 2016 della Banca dei regolamenti internazionali (Bri), istituzione con sede a Basilea e controllata pro-quota da tutte le principali banche centrali del pianeta,  hanno evidenziato che i grandi investitori esteri (le banche del resto del mondo) hanno progressivamente venduto obbligazioni ed azioni italiane, liberandosi così, di fatto, dei crediti e/o di attività reali. Di fatto si tratta di una insanabile fuga silenziosa di capitali a bassa intensità, un’operazione che però ha un effetto dirompente ed incontrollabile sull’economia reale italiana. Basti pensare che verso la fine del 2012 le diverse banche estere avevano investito in Italia capitali per 683 miliardi di dollari. Al […]

  

Il potere del «Re del Sole»

Roberto Napoletano (LaPresse)3086_001 (1)-001PasseraBondiPapa Francesco (LaPresse)Happy Days

In questo post, a dispetto del titolo, non si parlerà di Luigi XIV, meglio noto come il «Re Sole», incarnazione dell’assolutismo monarchico ancien régime. Parleremo dell’assai più prosaico Roberto Napoletano, direttore del Sole 24 Ore in aspettativa non pagata per i prossimi sei mesi e indagato dalla Procura di Milano per false comunicazioni sociali in quanto ritenuto «manager di fatto» del gruppo editoriale che fa capo a Confindustria. Poiché i lettori del Giornale conoscono bene la storia in quanto fedelmente raccontata dal capo redattore dell’Economia, Marcello Zacché, non è necessario aggiungere molto altro se non il fatto che da sei anni le […]

  

Le riforme costano

Taxi (LaPresse)Taxi 02Fornero lacrime (LaPresse)

Le proteste dei tassisti contro il decreto Milleproroghe hanno esasperato molti italiani per i disagi che hanno creato e ne hanno indignati ancor di più a causa delle violenze gratuite e ingiustificate perpetrate durante alcune manifestazioni. Il problema, però, non è tanto l’apertura di un mercato caratterizzato da evidenti asimmetrie quanto le modalità con le quali si è cercato progressivamente di superare un’oggettiva difficoltà. Sono dieci anni che, a vario titolo, ci occupiamo di taxi e di noleggi con conducente, ben prima che il car sharing e l’App di Uber rendessero obsoleta questa parte importante del trasporto pubblico. Soprattutto nelle […]

  

Tito, manager intristito

Tito Boeri 03 (La Presse)

Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza (Civ) dell’Inps non ha approvato per la prima volta dalla sua istituzione il Bilancio preventivo per il 2017. La motivazione ufficiale è «la mancata attuazione degli indirizzi a suo tempo dati» per via di «carenze di risposte da parte dell’Istituto su punti rilevanti (ad esempio crediti contributivi, patrimonio immobiliare) oggetto di osservazioni anche da parte del Collegio dei sindaci e del ministero del Lavoro». E proprio al dicastero guidato da Giuliano Poletti ritornerà la palla in quanto dovrà farsi carico di concludere un iter che si è bloccato. «La decisione del Civ non ha conseguenze sui […]

  

Una manovra (quasi) inutile

20161015 - RenziDBP 2017 01image

Della legge di Bilancio vi abbiamo parlato in tutti i modi possibili e immaginabili. Ci sono però due argomenti che vorremmo sommessamente sollevare al di là di quelle che possono essere le critiche sia politiche che di natura propriamente economico-finanziaria. La legge di Bilancio 2017 si presenta come la terza manovra in deficit del governo Renzi. In particolare, l’anno prossimo il maggiore disavanzo prodotto dal budget dovrebbe attestarsi tra i 12 e i 13 miliardi di euro. Non è un buon viatico per un Paese con quasi 2.500 miliardi di debito pubblico, ma se l’imperativo è quello di stimolare la […]

  

L’edilizia non c’è (quasi) più

Giiornata della Colleraimage

«Abbiamo avuto un periodo nel quale abbiamo creduto che assecondare obiettivi di austerity europea comportasse la riduzione degli investimenti: è stato un tragico errore», ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, presentando il piano industriale di Ferrovie dello Stato che prevede 94 miliardi di investimento nel periodo 2017-2026. «Nel biennio 2012-13 gli investimenti pubblici si sono dimezzati da 40 a 20 miliardi: era chiaro che vi fosse un calo del Pil del Paese», ha aggiunto sottolineando che «così si è messa in ginocchio l’edilizia: dei 927mila posti di lavoro persi in Italia a causa della crisi quasi 500mila sono dell’edilizia». Il declino, […]

  

Un premier troppo «banchiere»

RenziBanchelodesani-593x443FABI 01FABI 02FABI 04MINISTRO   ECONOMIA   PIERCARLO   PADOANFABI 03

  «La politica non deve mettere bocca nelle banche». Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ripete questa frase un po’ troppo spesso. Tanto da far pensare che il disinteresse alla questione bancaria sia più apparente che effettivo. In questi due anni e mezzo di governo dell’ex sindaco di Firenze abbiamo assistito, infatti, a un’ingerenza senza precedenti in materia finanziaria. Prima la riforma delle Popolari, poi quella del Credito cooperativo, poi il recepimento pedissequo del bail in (che ha determinato un esito infausto per Banca Etruria, Banca Marche, CariFerrara e CariChieti e per i sottoscrittori delle loro obbligazioni subordinati), poi il varo […]

  

Wall & Street © 2018