Scegli la tua recessione

Milano, inaugurazione dell'anno accademico della BocconiEffetti Manovra MontiTotal Tax RateCurva di LafferThatcher1TrumpVReaganChartPil a confronto 1979-2012 (La Voce)

L’austerità imposta dal Fiscal Compact e realizzata in Italia dal governo-fantoccio (di Bruxelles e Berlino) di Mario Monti è costata circa 300 miliardi di Pil tra il 2012 e il 2015 con un calo medio annuo di quasi il 10% degli investimenti e del 3,6% dei consumi. Gli effetti sulla ricchezza prodotta in Italia sono stati pari invece al 4,7% in media, cioè circa 75 miliardi l’anno per il quadriennio. È quanto ha messo nero su bianco il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, in un box a pagina 17 del Piano Nazionale di Riforma (Pnr) allegato al Def per convincere la Commissione Ue che […]

  

«Affamate la Bestia!»

Godzilla - Mar 2014grover-norquistCameronThatcher1Pressione FiscaleUS-GDP-vs.-Germany-France-UK-Italyercchart0115welfare- UK

  Avremmo potuto parlare un’altra volta della Grecia, di come ciò che si accaduto con la sottoscrizione dell’accordo di lunedì scorso rappresenti una sconfitta per tutti. Per i greci che dovranno sorbirsi una nuova austerity peggiorando le proprie condizioni economiche e per i Paesi dell’Eurozona che continueranno a prestare denaro all’Ellade senza avere concrete speranze di rivederlo indietro. La Bce di Mario Draghi e il Fondo Monetario Internazionale di Christine Lagarde parlano di taglio del debito non a caso. Wall & Street si era schierata a favore di un compromesso che consentisse alla Grecia di restare in Europa: lo si […]

  

Confindustria, una succursale di Renzi

«Voglio ringraziarti per gli sforzi fatti fino ad ora affinché l’Europa superi la dicotomia tra austerità e crescita». Era il 21 novembre scorso e il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, dopo aver incassato nei mesi precedenti – nell’ordine – riforma dell’articolo 18, minitaglio del cuneo fiscale e minitaglio della bolletta energetica, manifestò pubblicamente il sostegno alla linea anti-austerity di Matteo Renzi in ambito europeo. Ma quando un sodalizio si consolida (gli esordi del governo dell’ex sindaco di Firenze non furono salutati entusiasticamente da Viale dell’Astronomia), occorrono anche dei segni tangibili. e negli ultimi giorni Squinzi non ha lesinato appoggi all’«amico» […]

  

Se Mao gioca l’asso di denari

Questa settimana si è aperta l’Assemblea Popolare Nazionale, appuntamento di primo piano per il politburo del Partito Comunista Cinese. Si tratta del primo test ufficiale per il nuovo segretario Xi Jinping e per il premier in pectore Li Keqiang. Citywire Global racconta che  i principali gestori di fondi esposti sull’azionario Asia hanno gli occhi puntati sul convegno. L’argomento di maggiore interesse è il piano per il rilancio dei consumi interni. Ci si attende un altro leggero taglio delle spese per investimenti (attualmente in calo dal 20% del budget di fine 2012 al 17-18%). Gigi Chan di Threadneedle si aspetta una crescita del pil attorno all’8% (un po’ meglio […]

  

Wall & Street © 2019