Lavoro, un anno di disastro con madame Fornero

  A un anno dall’entrata in vigore, i nefasti effetti della Riforma firmata da Elsa Fornero, continuano a piegare l’Italia e il suo mercato del lavoro: giovani, over 55 e disoccupati sono sospesi in una situazione per molti aspetti peggiore di quella che Wall & Street vi ha raccontato a marzo. Se l’effetto immediato di applicazione della Riforma registrato nei primi sei mesi, era stato una riduzione dei contratti a progetto (-20,2%), un aumento dei contratti a tempo indeterminato (+8,2%) e dei contratti di apprendistato (+3,2%), ora tali effetti si sono sostanzialmente annullati. A rilevarlo è la ricerca avviata a giugno […]

  

«Lavoro, assumiamo gli over 50. Ma stop agli scatti»

Dopo aver guidato l’Irsa, Angelo Pasquarella è diventato imprenditore nel settore della formazione aziendale con la sua Projectland . Davanti al milione di italiani che ha perso il posto di lavoro a causa della crisi, propone alle aziende di tornare ad assumere in cambio dell’eliminazione degli aumenti di stipendio automatici. L’idea avanzata da Pasquarella, che potrebbe rappresentare il volano per ridare un’opportunità di impiego anche agli over 50, si ricollega idealmente all’articolo dedicato ai dieci profili professionali più richiesti in Italia, e arricchisce l’articolata guida sul lavoro che Wall & Street ha proposto in tre puntate: come trovare un impiego a 18 anni […]

  

L’azienda Italia cerca dirigenti

Il diktat della Germania di Angela Merkel e la cura di sole tasse somministrata dal governo Monti hanno lasciato l’Italia allo stremo delle forze e la Riforma Fornero è stata un boomerang: il tasso di disoccupazione è a due cifre e quasi un giovane su tre è senza impiego. L’azienda Italia sembra tuttavia tornata  alla ricerca di validi quadri e dirigenti per uscire dalla crisi. Il segnale viene da una ricerca condotta da Spinlight Group  su un campione di oltre 200 dirigenti,  dalla quale  emerge come il periodo necessario al ricollocamento si sta riducendo: il tempo medio nel 2012 è stato infatti tra i 4 e […]

  

«Giù le tasse e l’occupazione ripartirà»

Sette anni di crisi prima economica e poi finanziaria, con l’acme della guerra dello spread imposta dalla Germania di Angela Merkel, hanno messo sulla strada milioni di italiani. Lasciati senza impiego e alcuna prospettiva di reddito. La cura di sole tasse voluta dal governo Monti e il fallimento della Riforma Fornero hanno aggravato la situazione, trasformando il mercato del lavoro del nostro Paese in un malato quasi terminale: la disoccupazione si avvicina al 12%, un giovane su 3 è senza impiego, senza contare la piaga degli esodati, abbandonati dai Professori senza stipendio nè pensione. Wall & Street ha già proposto un’articolata guida in tre puntate con tutti i […]

  

«Italia, svegliati o sarai colonizzata!»

                      L’Italia prostrata dall’eurocrisi è un Paese che non è quasi più in grado di difendersi dalla forza dei grandi investitori internazionali. Rischia così di perdere il proprio patrimonio di aziende, imprese, cultura e conoscenze perché mancano le risorse per tutelarlo al meglio. In un mondo globalizzato l’internazionalizzazione e la presenza di investimenti esteri sono un vantaggio competitivo, ma l’«euro-trappola» e l’austerità pretesa dalla Germania di Angela Merkel potrebbero aumentare disparità oggi appena evidenti: i pezzi migliori del nostro Paese potrebbero essere svenduti, mentre l’impresa-Italia potrebbe non essere in grado di […]

  

Tre mosse e l’Italia tornerà ad assumere

  La riunione dei sette Paesi più industrializzati al mondo si è conclusa con una missione precisa: job creation, creare posti di lavoro. Il vertice del G7 a Londra era informale e al momento tutto si è fermato a una dichiarazione di intenti. In sostanza chiacchere, ma anche all’interno del Fondo monetario internazionale si allarga il fronte di quanti non sopportano più la cappa di austerity imposta dalla Germania di Frau Merkel con i panzer dello spread, e vogliono rivedere le misure anti-crisi per assicurare i necessari aiuti all’economia reale e far ripartire l’occupazione.  Che cosa si può fare per […]

  

Elsa ci fa piangere sul lavoro

La riforma Fornero è un disastro: a sei mesi dall’entrata in vigore uno dei pilastri portanti del governo Monti  NON ha aumentato l’occupazione, NON ha diminuito il costo del lavoro, NON ha favorito la competitività delle imprese, NON ha aiutato i giovani a trovare un impiego. Difficile fare peggio, anche per un governo di Professori  avulso dalla realtà come quello di Mario Monti. A sancire il fallimento di Elsa Fornero e dell’intero esecutivo uscente è la ricerca curata da Gi Group Academy, la fondazione di Gi Group (la prima multinazionale italiana del lavoro) che fotografa gli effetti prodotti dalla nuova normativa […]

  

Wall & Street © 2019