Premiata Latteria Montepaschi

  Piano con le querele!!! Non siamo mica Beppe Grillo che, prima all’assemblea di Mps e poi in varie dichiarazioni pubbliche, ha accennato a buchi di bilancio senza fondamento paragonando la sua situazione al disastro Parmalat creato a fine 2003 da Calisto Tanzi & C. Ripetiamolo, a scanso di equivoci: Mps non ha voragini patrimoniali derivanti da comportamenti illeciti! Il gruppo creditizio  di Rocca Salimbeni  ha un deficit (causato da perdita di valore dei Btp e di coperture errate in derivati) più che sanato dal ricorso ai Monti-bond per 3,9 miliardi (+170 milioni di cedola sui Tremonti-bond scaduti a fine 2012). […]

  

TuttoMontePaschi – Il presente

            La gestione di Fabrizio Viola e Alessandro Profumo ha risolto parzialmente alcuni dei problemi elencati nel post precedente, ma ne ha lasciati altri aperti. Antonveneta è stata azzerata: in bilancio non vale nulla e dunque non può più appesantire i conti del Monte. Quelle operazioni in derivati sono state chiuse con perdite, ma rappresentano solo un ricordo. Come voltare pagina, però? Il Monte dei Paschi dovrà ripagare già da quest’anno circa 500 milioni allo Stato. I Monti-bond da 3,9 miliardi. Di questi 1,9 miliardi serviranno per ripagare i vecchi Tremonti-bond scaduti alla fine dell’anno scorso. Senza […]

  

TuttoMontePaschi – Il passato

                      Sui monti (con la m minuscola) c’è silenzio. Sul Monte (dei Paschi di Siena) il rumore è talmente assordante che non si sente più nulla. Proprio come in montagna. Tra Alexandria, Santorini, Nota Italia ( e con i sospetti su Chianti Classico) si è persa un po’ di vista la sostanza della questione. Il clamore sul caso derivati ha coperto, ha nascosto la vera ratio di quelle operazioni finanziarie. E, di certo, la confusione della politica non aiuta a capire i motivi. Si può fare un breve elenco L’acquisto di Antonveneta, ex […]

  

Il Monte può evitare l’aumento

Il Monte dei Paschi deve necessariamente fare il tifo per una ripresa delle quotazioni dei nostri Btp. È quanto osservano gli analisti di Mediobanca nella consueta Wake Up Call. Se lo spread con il Bund si restringerà verso quota 160 punti (dagli attuali 303), la banca senese (che ha un’esposizione al rischio sovrano italiano di poco superiore 22 miliardi), le perdite sui derivati di copertura sui titoli italiani si ridurranno a zero portando il Core Equity Tier 1 al 12,5% (con i Monti-bond di prossima emissione raggiungerà il 10%).  A questo punto Mps potrebbe rimborsare 3,5 miliardi su 4,5 miliardi di Monti-bond […]

  

Wall & Street © 2019