Partirà il 15 ottobre la seconda edizione di «Viva l’Auto”, la tre-giorni Uiga (Unione italiana giornalisti automotive) dedicata all’auto che cambia. Nuova la location, centralissima, tanti gli appuntamenti previsti in calendario.
Firenze torna così ad aprire le sue porte al mondo dell’auto che si interroga sul proprio futuro. Per tre giorni la centralissima location di Largo Annigoni (Piazza Ghiberti) sarà il cuore pulsante della seconda edizione di «Viva l’Auto». La manifestazione promossa dalla Uiga ha nel suo ricco programma il prestigioso Premio «Auto Europa», che festeggia quest’anno i venticinque anni di vita.
Focalizzata sui principali temi della mobilità sostenibile come l’ambiente e la sicurezza stradale, «Viva l’Auto» è un Road Show unico nel suo genere per la sua formula che nella pubblica piazza fa incontrare gli operatori del settore, i giornalisti, i costruttori e il pubblico, invogliato a partecipare dalle numerose iniziative gratuite in calendario.
Non un salone, dunque, e nemmeno una fiera commerciale, ma un momento di confronto e di formazione su argomenti che non possono essere trascurati da nessuno se si vuole immaginare un mondo in cui l’auto possa rimanere simbolo della libertà di movimento e autonomia e non essere additata come causa di tutti i mali della terra.
«Viva l’Auto» porterà il visitatore a spasso nel tempo in un concentrato di tecnologia e innovazione attraverso oltre un secolo di storia perché è solo conoscendo il passato che si può capire il presente e progettare il futuro: alcune prestigiose vetture storiche del Camet, uno dei club più importanti del nostro Paese, mostreranno le tappe fondamentali dell’evoluzione tecnologica dell’industria dell’automobile, mentre le candidate al Premio Auto Europa 2011 rappresenteranno una vetrina delle eccellenze che offre l’attuale mercato. Ma non è finita, perché nell’area Eco Car, invece, si potrà toccare con mano anche il futuro, con la possibilità di provare in anteprima per le strade di Firenze i veicoli meno inquinanti già disponibili sul mercato e ciò che da futuribile diventerà realtà: motori termici tra i più virtuosi al mondo, alimentazioni con combustibili a gas, vetture ibride e le tanto attese auto elettriche, destinate a rivoluzionare il mondo dell’auto nel prossimo decennio.
Non mancheranno nemmeno le supercar, anche loro verdi naturalmente, per sognare nel rispetto dell’ambiente con Ferrari, Lamborghini e Maserati.
Formazione e adrenalina terranno banco anche in tema di sicurezza stradale: istruttori qualificati del Centro di Guida Sicura di Andrea de Adamich illustreranno quali comportamenti assumere al volante e quali invece evitare, nel corso di sessioni che si ripeteranno più volte al giorno, mentre i simulatori di guida della Fondazione Ania consentiranno di scoprire – ovviamente in maniera solo virtuale – le drammatiche conseguenze derivate dalla distrazione alla guida, considerata ormai la prima causa degli incidenti stradali.
L’aula didattica al centro della piazza ospiterà anche tanti altri interessanti workshop aperti al pubblico durante i quali i principali esperti dell’Automobile Club Italia racconteranno il loro punto di vista sui temi più attuali legati al mondo dell’auto.
«Viva l’Auto vuole essere una grande vetrina sul mondo della mobilità virtuosa – ha dichiarato Pierluigi Bonora, presidente della Uiga – e ha come obiettivo quello di mettere l’accento su quanto di positivo il settore ha fatto, sta facendo e farà a favore dello sviluppo sostenibile della società e della sua economia. È ora di finirla di dare addosso indiscriminatamente a questo settore ed è soprattutto il momento che i costruttori escano di più allo scoperto, parlando da vicino alle persone e mostrando, nei fatti, i progressi fatti dal comparto a beneficio di salute e ambiente. Per non parlare dell’importanza che l’auto riveste nell’economia e sotto l’aspetto dell’occupazione».
E proprio per discutere sui traguardi raggiunti e sugli obiettivi futuri, è previsto l’arrivo a Firenze anche di rappresentanti delle istituzioni politiche, delle sigle di categoria e dei principali attori del settore che daranno vita a due Talk-Show di grande attualità sui temi più caldi, che si terranno nella sala convegni del quotidiano «La Nazione». La loro presenza arricchirà il momento centrale dell’evento, l’assegnazione del Premio «Auto Europa 2011» che avverrà nel corso di una serata di gala in cui saranno assegnati altri prestigiosi Awards come quello di Arval alla vettura meno inquinante fra le candidate di «Auto Europa», quello di Dekra Revisioni al veicolo usato più affidabile e quello di Autoscout24 all’automobilea più amata dal pubblico di Internet.
Lanciato dalla Uiga 25 anni fa, il Premio Auto Europa è ormai un appuntamento radicato, uno tra i più prestigiosi riconoscimenti assegnati in campo automotive a livello internazionale. Nella precedente edizione la più votata era stata la Peugeot 3008. «Il Premio Auto Europa si distingue per la sua trasparenza – ha aggiunto Bonora – sino all’ultimo è impossibile conoscere il nome di chi si fregerà del titolo».
Viva l’Auto, infine, fa parte dei progetti che si svolgono nell’ambito della Carta Europea per la Sicurezza Stradale e ha ottenuto i patrocini della Regione Toscana, della Provincia e del Comune di Firenze.