Che cosa si puo’ contestare a Sergio Marchionne dopo il suo intervento televisivo da Fabio Fazio?
Personalmente ritengo che l’amministratore delegato della Fiat abbia confermato di essere un manager che va per la sua strada, privo di condizionamenti e riluttante rispetto alla pressioni che gli arrivano dalla politica e dai sindacati. L’unico errore strategico, a mio parere, riguarda la cancellazione dalla sua mente di un certo passato che ha riguardato il gruppo di Torino. Mi riferisco agli aiuti, agli accordi politici e ai tanti compromessi che hanno visto la vecchia Fiat protagonista. Insomma, per Marchionne la Fiat ha solo 6 anni, è una bambina che lui ha adottato e sta portando a maturazione. Il resto conta meno. Ma gli italiani hanno la memoria lunga.