Troppa ressa attorno a Sergio Marchionne: martedì, nella calca di Ginevra, qualcuno gli ha pestato un piede. A ogni Salone europeo dell’auto si ripete la stessa scena: spintoni, gomitate, urla, microfonate. Appena l’amministratore delegato di Fiat spunta dallo stand parte la carica di giornalisti, operatori, fotografi e intrusi. Chi deve lavorare è vittima di un caos evitabile. Evidentemente, si provvederà solo quando qualcuno si farà male. Invece basterebbe applicare il metodo Usa: incontri, anche di buon’ora, in una saletta. Come fa anche la Ferrari.