I “buttadentro” che dirigeranno il traffico nella metropolitana milanese, a partire dalla metà del mese, fanno intendere che, in concomitanza della tassa di 5 euro per entrare in auto nell’Area C, per i trasporti pubblici sarà il caos. Non basta mettere qualche corsa in più al giorno: il sistema delle infrastrutture non è pronto ad affrontare la valanga di auto che, non potendo entrare in centro, dovranno pur parcheggiare da qualche parte. E giù altre multe! E’ facile prevedere, infatti, che i parcheggi Atm periferici, quelli a buon mercato, saranno strapieni fin dalle prime ore del mattino. E gli altri? Si arrangino. la metro, poi, rischia di diventare un carnaio. Buon anno, cari milanesi. E per fortuna che a governare c’è una giunta di sinistra, per eccellenza amica dei lavoratori e dei ceti meno abbienti.