Una cazzotto alle accise

L’associazione “Insieme è domani” di Torino, guidata da Andrea Tronzano, capogruppo Pdl in consiglio comunale, ha organizzato nelle scorse settimane una “provocazione” degna di nota che potrebbe essere esportata anche in altre città. Al centro dell’iniziativa il caro carburanti e, in particolare, le accise che gravano in maniera inverosimile sul pieno all’auto. Tronzano ha raccolto con la sua associazione circa 2.000 euro e ha messo questa somma a disposizione degli automobilisti. Un cazzotto alle accise sulla benzina funzionava così: il 4 dicembre scorso chi si recava a far carburante al distributore di corso Svizzera, che ovviamente si era messo a […]

  

Lobby, moto batte auto senza appello

]Due ruote a motore meglio delle quattro in questo 2012. Anche se il calo delle vendite, dovuto principalmente alla recessione, è stato il denominatore comune dei settori chiave della mobilità, il primo ha senza dubbio prevalso in fatto di «peso» e di risultati ottenuti come lobby. Un successo senza discussione, consacrato dal risultato conseguito da Confindustria Ancma, l’associazione che raggruppa i costruttori di moto e accessori, nella battaglia sull’obbligo dell’Abs, il sistema elettronico che rende più sicure le frenate sul bagnato. Ebbene, la norma dell’Abs come «optional obbligatorio», se fosse passata, avrebbe comportato – secondo la lobby delle due ruote […]

  

MILANO E LA BICICLETTIZZAZIONE DELLA CITTA. E’ ORA DI UN FACCIA A FACCIA CON I “DEMOTORIZZATORI”

’Ci risiamo, a Milano l’assessore alla Mobilità, Pier Maran, torna alla carica con il piano di demotorizzazione della città a favore della biciclettizzazione della stessa. L’ultima trovata sciagurata dell’assessore radical-chic (vedi “la Repubblica del 18 dicembre) è sostituire i controviali con le piste ciclabili. Maran, ma le auto dove intende metterle? “Fuori, sempre più fuori”, la risposta scontata. Si vede proprio che lei vive fuori dal mondo. Cerchi, piuttosto, di trovare un equilibrio tra quattro e due ruote che non penalizzi i soliti noti (gli automobilisti). Comunque, la invito a dire quello che pensa a una platea fattadi persone che […]

  

IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA DEL RAPPORTO ACI-CENSIS

I“Dove è finita l’auto? Analisi di una crisi senza precedenti”. Contiene numeri e percentuali da brividi il rapporto Aci-Censis presentato l’altro giorno. E il dato che deve far più paura alle case automobilistiche è quel -52,6% riferito agli italiani che NON acquisteranno una macchina nei prossimi tre anni. Bel lavoro quello di Aci e Censis (sul sito Aci è disponibile la ricerca nel dettaglio), ma ancora una volta il settore finisce per piangersi addosso invece di proporre soluzioni e stimolare le istituzioni a fare qualcosa, anche attraverso manifestazioni eclatanti e di impatto mediatico. Questi dati, poi, soprattutto in un momento […]

  

Monti fa bis a Melfi: ma parlerà più di auto o più di politica?

MONTI “SCOPRE” L’AUTO IN ZONA CESARINI Il premier in uscita Mario Monti fa l’automobilista della “zona Cesarini”. Prima l’intervento alla recente assemblea dell’Anfia, domani il blitz a Melfi in coincidenza del via agli investimenti da parte del gruppo Fiat e per salutare il suo “sponsor” Sergio Marchionne. A pochi giorni dalla fine del mandato, Monti si ricorda dell’auto e dei suoi problemi. Non è bello, e suona come una vera presa in giro verso gli automobilisti, stremati dall’incredibile tassazione sui carburanti e non solo. E come è successo all’assemblea dell’Anfia, c’è da scommettere che il premier parlerà tanto di politica, […]

  

Monti all’Anfia per essere «ringraziato» del sostegno all’auto

Segnali di vita del gover­no verso l’auto. Domani, al teatro Capranica di Roma, sarà il premier Mario Monti a chiudere l’assemblea del­l’Anfia, l’associazione che rappresenta la filiera italia­na dell’automotive, orfana da un anno di Fiat (causa strappo da Confindustria). Era dal 2006 che un presi­dente del Consiglio ( in quel­l’anno Silvio Berlusconi in­tervenne in videoconferen­za da Palazzo Chigi parlan­do con il presidente Carlo Sinceri dei problemi del set­tore) non partecipa a un’as­sise dell’Anfia. Quello del go­verno, però, è un segnale tar­divo, visto che l’esecutivo è dimissionario. Il rischio, poi, è che ai problemi del­l’auto siano anteposti quelli della crisi di […]

  

il Blog di Pierluigi Bonora © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>