Schumi è in bilico tra la vita, la morte o un futuro che non sarà più quello di prima. Speriamo con tutto il cuore che riesca a vincere questa battaglia, la vera gara della sua vita. Ma una domanda è d’obbligo: perché l’ex campionissimo della Ferrari, l’uomo che si è sempre distinto per la sua serìetá e correttezza dentro e fuori i circuiti, ha preso quell’insulsa decisione, per di più portando con sé il figliolo di 14 anni, di cimentarsi in un pericoloso fuoripista, violando così le regole di sicurezza più elementari negli stessi giorni contrassegnati da decine di incidenti dello stesso tipo, alcuni dei quali conclusisi tragicamente? Schumi, a questo proposito, non ha dato un buon esempio, non ha seguito il comportamento al quale ci aveva abituati. Nelle tante trasmissioni che in queste ore vanno in onda, questo dovrebbe essere sottolineato a futura memoria. Quello che Michael Schumacher ha fatto non è un esempio da seguire. Se sopravviverà, come tutti ci auguriamo, avrá di che rifletterci.

Tag: , , , , ,