C’è del fermento sulla mobilità “green”: da una parte l’avvio di una serie (l’ennesima) di incontri istituzionali affinché nelle stanze dei bottoni romane vengano spiegate (ancora?) le necessità infrastrutturali e degli stessi costruttori; dall’altra, con un grande pompaggio, si è alla vigilia dell’evento “rEVolution” che si terrà il 27 e 28 maggio a Lainate, alle porte di Milano. La manifestazione è interamente dedicata alla mobilità elettrica e, per dare un po’ di pepe alla vigilia, gli organizzatori hanno parlato di grandi annunci che verrebbero dati nell’occasione.
Cerchiamo ora di mettere un po’ di ordine e di evidenziare qualche immancabile neo, nel senso che, come al solito, in Italia ognuno va per la sua strada, senza coordinarsi a priori.
Gli incontri istituzionali: Anfia, Unrae – ovvero la filiera italiana dell’automotive e l’Unione degli importatori – e i rappresentanti dei costruttori di automobili si sono incontrati nei giorni scorsi a Palazzo Chigi con Raffaele Tiscar, vicesegretario generale della presidenza del Consiglio e alcuni esponenti del governo. Si è parlato di mobilità a motore alternativa, quindi con alimentazione non solo elettrica, ma soprattutto dell’esigenza di creare una coscienza “verde” nella popolazione e di dover lavorare, dunque, in questa direzione. Le parti torneranno a incontrarsi tra un mesetto, e poi forse ancora tra un altro mesetto. Quindi, ci sarà la pausa di agosto, prevedo, e poi riprenderanno gli incontri. Che cosa possa uscire, non lo so. Vedremo, con l’auspicio che esca qualcosa di concreato per agevolare il ricambio del parco circolante, la messa a punto delle infrastrutture necessaria alla sviluppo della “nuova” tanto sbandierata mobilità alternativa e un piano di educazione “green” per la popolazione. Il primo incontro, secondo le impressioni raccolte, è piaciuto agli addetti ai lavori. Importante, però, sarà il risultati finale.
E ora l’appuntamento di Lainate, pompato a dovere. Le presenza non mancheranno, soprattutto per vedere cosa accadrà, cioè se ci sarà – come sbandierato da settimane – qualche annuncio (si era parlato di incentivi e cose simili). La verità sta però emergendo in questi giorni. Innanzitutto sarà illustrata una piattaforma di indirizzo strategico alla mobilità elettrica sottoscritta da Enel, A2a, Gruppo Hera e Class Onlus (tra gli organizzatori). Il documento propone, in sintesi, l’introduzione di incentivi che permettano di avvicinare il costo dell’acquisto dei veicoli elettrici a quelli tradizionali, l’introduzione di un’imposta agevolata, contributi economici statali, un sistema di detrazione fiscale e misure a favore delle flotte. Quindi, per essere chiari, nessun annuncio da parte del governo, ma una serie di proposte sicuramente interessanti. Ma sempre proposte. Per ora ha vinto il marketing, cioè la promozione di questa giornata di “rEVolution”.

Tag: , , , , , , , , , , , ,