La scoppola del super-ammortamento

Dalla speranza e quasi certezza, alla delusione condita di rabbia. Ancora una volta il settore delle quattro ruote, in questo caso quello dei veicoli commerciali e industriali, viene penalizzato. L’illusione che il super ammortamento al 140 per cento che tanto bene aveva fatto al comparto nel 2015 fosse riproposto, tale e quale, in occasione del “Piano nazionale industria 4.0”  è di fatto rimasta tale. Il provvedimento, introdotto dalla Legge di stabilità 2016, è previsto ancora, ma nella misura del 120 per cento. Da qui il disappunto degli addetti lavori. Il provvedimento serve ad agevolare gli investimenti produttivi delle imprese, grazie a […]

  

Mobilità ecologica e voglia di “rEVolution”

C’è del fermento sulla mobilità “green”: da una parte l’avvio di una serie (l’ennesima) di incontri istituzionali affinché nelle stanze dei bottoni romane vengano spiegate (ancora?) le necessità infrastrutturali e degli stessi costruttori; dall’altra, con un grande pompaggio, si è alla vigilia dell’evento “rEVolution” che si terrà il 27 e 28 maggio a Lainate, alle porte di Milano. La manifestazione è interamente dedicata alla mobilità elettrica e, per dare un po’ di pepe alla vigilia, gli organizzatori hanno parlato di grandi annunci che verrebbero dati nell’occasione. Cerchiamo ora di mettere un po’ di ordine e di evidenziare qualche immancabile neo, […]

  

Emissioni Ue: vince l’auto, sinistra sconfitta. E Galletti si “sveglia”…

Alla fine ha vinto il buon senso. E l’auto porta a casa un importante successo che significa anche salvaguardia dei piani di sviluppo e dei posti di lavoro. Il Parlamento Ue ha dato il via libera ai nuovi limiti sulle emissioni dei veicoli in condizioni di guida reale (Rde). È stata infatti bocciata (con 323 voti contrari, 317 in favore e 61 astensioni) la proposta di risoluzione della commissione Ambiente che raccomandava all’assemblea di porre il veto al progetto della Commissione europea che aggiorna i limiti in vigore necessari per l’omologazione dei veicoli. La sconfitta brucia e la sinistra sbraita, […]

  

Auto e mercato, cosa fare nel 2016

Il ruolo dei concessionari e delle Case automobilistiche, tutti impegnati a venire incontro alle esigenze di chi voleva cambiare auto (sconti, promozioni, agevolazioni), è stato determinante per il raggiungimento di un dato di chiusura del mercato 2015 più che positivo, anche se ancora lontano dal livello considerato fisiologico di 1,8-1,9 milioni di unità. Anche il settore del noleggio, è da rimarcare, ha dato il suo importante contributo. Nel 2015, dunque, sono stati immatricolati in Italia 1.574.872 veicoli, con una crescita del 15,8% sul difficile 2014. L’anno, al di là dei risultati, ha vissuto un finale di grandi tensioni: lo scandalo […]

  

2015: barche battono auto

Barche battono auto. Si chiude così il 2015. Mentre da anni la filiera delle quattro ruote non riesce a ottenere quelle agevolazioni strutturali che consentirebbero al settore di rafforzarsi, grazie a una crescita delle immatricolazioni di veicoli dotati di motori di ultima generazione o alternativi (ibrido, elettrico, metano, Gpl), con ripercussioni positive per l’economia, l’ambiente e la sicurezza, ecco che Ucina Confindustria Nautica mette a segno un bel colpo: è di questi giorni la notizia dell’abolizione della tassa di possesso delle imbarcazioni. “E’ una importante vittoria dell’associazione – annuncia Ucina – che cancella un capitolo nero del Governo Monti, decisivo […]

  

Auto, dieselgate, paure e cambi della guardia

La nomina di Aurelio Nervo alla presidenza di Anfia, l’associazione che rappresenta la filiera automotive italiana, mi porta a fare delle considerazioni, una sorta di bilancio di questo fine 2015. Innanzitutto, buon lavoro e complimenti, con la consapevolezza che l’eredità che le lascia il suo predecessore, Roberto Vavassori, è molto delicata. Chi l’ha preceduto si è dovuto confrontare con una crisi pesantissima, che ha messo in ginocchio aziende e concessionari che vivono sull’auto. La situazione è in fase di miglioramento, mo non bisogna illudersi che ormai ci si trovi fuori dal tunnel. Le ripercussioni del “dieselgate” si faranno sentire (del […]

  

Auto, un silenzio assordante che fa solo male

Bravi Federauto (l’associazione dei concessionari) e Anfia (filiera italiana dell’automotive) a commentare in questi giorni quanto accaduto, cioè lo scandalo del software truccato che ha travolto il Gruppo Volkswagen. Resto senza parole, invece, nel vedere che l’Unrae, che rappresenta le Case auto estere in Italia, resta chiusa a riccio. Non un cenno alle vicenda nel comunicato di commento al mercato di settembre. L’Unrae non ha colpe e neppure il Gruppo Volkswagen Italia che sta subendo i contraccolpi della bufera, come il suo amministratore delegato Massimo Nordio, che è anche presidente della stessa associazione di costruttori esteri. E’ giusto e doveroso […]

  

Grasso e Mucchetti incontrano la filiera auto, Renzi ha altri impegni

La politica, per una volta, si ricorda del settore automobilistico non per infilzarlo con altre tasse dirette o indirette, ma lo chiama a raccolta per fare il punto della situazione. Iniziativa lodevole, quella di Massimo Mucchetti, presidente della commissione Attività produttive del Senato (e, da ex editorialista economico del “Corriere”, molto addentro alle problematiche del comparto), che ha colto l’occasione di creare un vero evento di dibattito dalla ricerca di Unioncamere e Prometeia sull’automotive. Presente il presidente del Senato, Pietro Grasso (“in un’Europa – ha sottolineato – che ha deciso di elevare al 20% del Pil il contributo delle attività […]

  

Via tutti i Diesel: Milano pensa a un referendum. Il settore dell’auto si faccia sentire

Cari Unrae (importatori di automobili), Anfia (filiera nazionale), Federauto (concessionari) e Asconauto (ricambisti e concessionari), è sicuramente giunto il momento di tornare ai fondamentali, alle ragioni che hanno dato alla mobilità a motore quel forte impulso nella ricerca di tecnologie capaci di rendere i veicoli sempre più puliti e rispettosi delle norme sulle emissioni di anidride carbonica. Non che in questo momento non si faccia niente, anzi. Ma c’è sicuramente una sempre maggiore attenzione all’auto del futuro, alla connessione e alla connettività, alla guida autonoma, a una serie di cose che saranno disponibili su media e larga scala tra qualche […]

  

Lupi e quelle insolite premure per l’auto

Le solite cose all’italiana: la mano destra non sa quello che fa la mano sinistra e viceversa. Il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, con un insolito attivismo sul tema auto, dopo aver tentato qualche settimana fa di far passare l’aumento del bollo in cambio della soppressione dell’Ipt, fa sapere che sta studiando, insieme alla collega Federica Guidi (Sviluppo economico), un piano di defiscalizzazione riguardante il settore (sul tipo di quello applicato all’edilizia) allo scopo di svecchiare (e rilanciare) il parco auto italiano. E lo stesso piano riguarderebbe anche i bus pubblici e privati. Se il progetto andrà in porto tanto […]

  

Lupi “scopre” l’Ipt ma arriva secondo. Ma sulla fiscalità per l’auto perché non c’è un coordinamento?

Il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, ha scoperto che esiste un problema “auto”. Eccolo allora proporre che è allo studio la sostituzione dell’Ipt, l’Imposta di trascrizione provinciale, con una quota aggiuntiva sul bollo a parità di gettito. A conti fatti vuol dire che 1,12 miliardi di euro saranno ripartiti annualmente tra oltre 49 milioni di veicoli, con una stima di aumento medio del bollo auto di circa 22 euro. Al di là del fatto che ancora una volta si toglierebbe da una parte per aggiungere dall’altra, il ministro Lupi – attraverso la rassegna stampa quotidiana e i gli incontri nel […]

  

Superbollo dannoso» allarme fuori tempo

«Il superbollo sulle auto di lusso ha fatto perdere al fisco 140 milioni in un anno». Così le associazioni dell’auto in una lettera al ministero dell’Economia. Se è apprezzabile l’unità d’intenti ritrovata tra le sigle (Anfia, Aniasa, Assilea, Federauto, Unasca e Unrae) non è altrettanto per la tempistica. L’allarme viene suonato nel momento in cui il governo è più che traballante e, per di più, alla vigilia dell’innalzamento di un punto dell’Iva. Sono passati una quindicina di giorni da quando il viceministro all’Economia, Luigi Casero, riconoscendo i danni causati dal superbollo, aveva aperto a una possibile abolizione. Il ferro si […]

  

il Blog di Pierluigi Bonora © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>