Questa nota del ministero dello Sviluppo, diffusa nella serata di martedì, sa molto di scaricabarile. C’è da chiedersi se, in assenza di critiche e polemiche sul piano ecoincentivi annunciato 24 ore prima, lo stesso che creato un putiferio tra le case costruttrici e nelle concessionarie, il mistero l’avrebbe diffusa ugualmente. Stupisce il nuovo riferimento alla Consulta per l’automotive il cui fallimento è davanti agli occhi di tutti. Invece di parlare di numerose riunioni, tra gennaio e febbraio, sarebbe meglio parlare di numerosi slittamenti o rinvii. Al ministro Federica Guidi, che conosce bene i problemi dell’automotive, diciamo solo di sentire altre […]