Non sono tifoso milanista.

Anzi, tifo granata.

Qualcuno dice tiepidamente, io dico malauguratamente.

Avrei voluto vincere di più, altro che balle.

Comunque, sì, provo anche io la fierezza della sofferenza.

Premessa d’obbligo per dire che la ivi presente incursione di un altro sport e un altro tema

(ce ne saranno altre in questo blog, eccome)

è dovuta a una semplice constatazione:

cose e concetti riguardo Allegri, raccontati nel fondo qui accanto firmato da Umberto Zapelloni, vice direttore della Gazza,

si adattano a tutti:

– a noi pincopalla della vita

– a loro uomini (nella fattispecie dello sport) che per ruolo e responsabilità e pressioni vivono, hanno vissuto, potrebbero vivere momenti molto simili a quelli passati dal tecnico rossonero.

Adesso incensato da tutti.

Così, pronti e via, e per tornare in tema del blog, mi viene in mente un nome su tutti:

Stefano Domenicali.

Ricordiamocelo la prima volta che a molti verrà tanta voglia di sparargli addosso opinioni infuocate!

 

 

Tag: , , , , , , , , , , , , ,