Sono emozionato.

E lo confesso:

dopo la Formula uno di oggi che mi aveva fatto arrabbiare per la iella Ferrari

e che però proprio non riesce a emozionarmi,

ecco che mi sono riconciliato con i motori.

Perché ad Austin qualcuno ha pennellato sull’asfalto la storia.

Trent’anni dopo Freddie Spencer, più giovane di sempre a vincere un Gp della classe regina (20 anni e 196 giorni),

all’epoca era la 500,

Marc Marquez con un sorriso e quelle pieghe tutto ginocchio e tutto gomito che solo lui sa fare in quel modo,

si è issato in vetta al mondo dei precoci (20 anni e 63 giorni).

 

Primo lui, secondo il compagno Pedrosa, terzo Lorenzo, Vale solo sesto, Dovi e la Ducati subito dietro.

 

Alla seconda in MotoGp è già trionfo.

Come fece Lorenzo.

L’amico Livio Suppo, team principal della Honda,

da una parte gongola dall’altra sa bene che d’ora in avanti avrà una miccia accesa in mano nel gestire i due galletti del team.

 

Mi dispiace per il Vale così in difficoltà.

 

Ma ha avuto guai sull’anteriore.

 

Però oggi un po’ tutto passa in secondo piano.

 

Perché c’è sapore di storia e perchè mi sono riempito gli occhi con uno sport vero e uomini veri.

 

Ops!

sorry Marc

 

Volevo dire ragazzi veri!!!

 

Adieu!

 

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,