La differenza tra una giornata no e una sì sta tutta in un dettaglio inquietante. Quel proiettile verde e bianco di un Bautista che, pronti e via, giusto un pò di curve e come una palla di biliardo ha provato con tutto se stesso – nel vero senso della parola – a buttare giù di nuovo birillo Rossi. Colpa di un tentativo di sorpasso all’interno non riuscito. Per fortuna del Vale, allo spagnolo carambolante non è riuscito il bis del Mugello.
La differenza tra una giornata no e una sì, per Rossi, sta tutta nel ritrovarsi sotto la bandiera a scacchi dopo gara zeppa di colleghi scivolati via – in primis Crutchlow, il sempre più ingombrante compagno su Yamaha clienti – però con addosso per la prima volta la sensazione sconfortante di un confronto platealmente perso. Perchè là avanti per tutta la gara ci sono stati Lorenzo e gli hondisti Pedrosa e Marquez che nella prima parte di gara hanno girato due, tre decimi giro sempre più veloci di lui, facendo così il vuoto.
Al di là della vittoria di Jorge davanti a.xxxxxxxx il verdetto di Barcellona è soprattutto questo: quei tre nel primo terzo di gara sono di un altro pianeta, Vale resta grandissimo perchè comunque è lì con i suoi anni a vedersela con questa nidiata talentuosa, ma purtroppo è ritornato sul pianeta terra. Forse è il momento di farcene una ragione.

PS: MA QUANTO È STATO BELLO VEDERE MARQUEZ E PEDROSA INCOLLATI a 330 all’ora?

COSI’ ALL’ARRIVO

1.  Jorge Lorenzo     Yamaha                 43m06.479s
 2.  Dani Pedrosa      Honda                    + 1.763s
 3.  Marc Marquez      Honda                    + 1.826s
 4.  Valentino Rossi   Yamaha                   + 5.874s
 5.  Stefan Bradl      LCR Honda               + 26.756s
 6.  Bradley Smith     Tech 3 Yamaha           + 32.228s
 7.  Andrea Dovizioso  Ducati                  + 32.692s
 8.  Aleix Espargaro   Aspar Aprill            + 58.615s
 9.  Colin Edwards     Forward FTR-Kawasaki  + 1m03.142s
10.  Michele Pirro     Pramac Ducati         + 1m09.774s
11.  Danilo Petrucci   Ioda-Suter-BM         + 1m24.377s
12.  Claudio Corti     Forward FTR-Kawasaki  + 1m33.679s
13.  Yonny Hernandez   PBM Aprili            + 1m45.355s
14.  Bryan Staring     Gresini FTR-Honda     + 1m50.745s
15.  Javier del Amor   Avinitia FTR-Kawasak      + 1 Lap
16.  Lukas Pesek       Ioda-Suter-BMW            + 1 Lap

Ritirati:
     Hector Barbera    Avinitia FTR-Kawasaki     15 laps
     Karel Abraham     Cardion Aprilia           10 laps
     Cal Crutchlow     Tech 3 Yamaha              5 laps
     Nicky Hayden      Ducati                     5 laps
     Andrea Iannone    Pramac Ducati              4 laps
     Randy de Puniet   Aspar Aprilia               1 lap
     Alvaro Bautista   Gresini Honda              0 laps
     Michael Laverty   PBM-Aprilia                0 laps
 Classifica piloti:
1. Dani Pedrosa (Spa/Honda) 123 punti 2. Jorge Lorenzo (Spa/Yamaha) 116 3. Marc Marquez
(Spa/Honda) 93 4. Cal Crutchlow (Gbr/Yamaha 71 5. Valentino Rossi (Ita/Yamaha) 60
6. Andrea Dovizioso (Ita/Ducati) 59 7. Nicky Hayden (Usa/Ducati) 45 8. Stefan Bradl
(Ger/Honda) 41 9. Alvaro Bautista (Spa/Honda) 38 10. Aleix Espargaro (Spa/Aprilia)
36 11. Bradley Smith (Gbr/Yamaha) 34 12. Michele Pirro (Ita/Ducati) 28 13. Andrea
Iannone (Ita/Ducati) 21 14. Hector Barbera (Spa/FTR) 13 15. Danilo Petrucci
(Ita/Ioda) 13
Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,