Prove Libere e povero Vettel: ha evitato di far festa in Corea e ora gli tocca l’India. Com’è triste brindare dove non frega nulla di motori

Mentre Vettel fa giustamente il Vettel fin dalle libere nonostante le Pirelli soft lo tormentino parecchio, mentre Alonso fa l’Alonso per cui non eccelle con temponi, mentre Raikkonen fa il nuovo Raikkonen cioè quello in versione “ho un contratto con la Ferrari” per cui subisce di nuovo Grosjean, mentre accade tutto questo una mesta comsiderazione sulla F1 e il presto quattro volte campione del mondo Vettel. Questa. Trovo tristemente curioso, ma in fondo anche giusto, che questo mondiale artificiale viva il week end più importante, quello dell’incoronazione del suo campione, in un circuito che non può fregar di meno e […]

  

DETTO TRA NOI – Gian Carlo MINARDI presenta il Gp d’India: “L’ultima volta qui, la quarta volta di Vettel e quella doppia sfida a tre”

– di Gian Carlo Minardi – “Non c’è due senza tre… e il quattro vien da sé”. Anche se la matematica parla di 100 punti ancora da assegnare fino al 24 novembre (Gp Brasile) e un vantaggio di “soli” 90 punti per Sebastian Vettel su Fernando Alonso, possiamo tranquillamente ammettere che il countdown è ufficialmente iniziato. Se poi non dovesse arrivare questa domenica, certamente i festeggiamenti sarebbero solo posticipati di sette giorni sullo sfondo di Yas Marina di Abu Dhabi. Ben diversa invece la situazione alle spalle del biondino “Seb”, dove troviamo una lotta apertissima a Tre con Ferrari (297) […]

  

Ciao Sic!

Marco Simoncelli (Cattolica, 20 gennaio 1987 – Sepang, 23 ottobre 2011)

  

Mettiamo che… Adrian Newey e Seb Vettel fossero sul mercato. Potete scegliere o l’uno o l’altro: voi chi prendereste? In base alle risposte capiremo che razza di F1 è questa

La McLaren non ha fretta di confermare i piloti ma aveva molta fretta di mettere al lavoro il vice Newey, Peter Prodromou, e però la Red Bull le ha detto di no… dovrà attendere un anno. Questo fatto mi ha stuzzicato. Da qui una domanda per me e per voi tutti. Una domanda dalle cui risposte comprenderò e comprenderemo con che razza di F1 abbiamo tutti a che fare e se, in fondo, è una F1 distorta e malata come sembra. La domanda è questa: mettiamo che all’improvviso nel matto mondo che corre a trecento all’ora per un corto circuito, […]

  

Così il DIO GOMMA ha falsato i due campionati piu’ importanti del mondo: F1 e Motogp

– Il mio commento uscito stamane su il Giornale – A scanso di spiacevoli equi­voci, diciamolo subito: nessuno l’ha fatto apposta. Nessuna volontarietà. Ci mancherebbe anche… Semplicemente, è successo. È successo che la Bridgestone sonnecchiasse nella MotoGp (ma anche la Dunlop in Moto2 più o meno stessa roba) ed è successo che la Pirelli fosse invece iper attiva in F1. È successo tutto mentre Marc Marquez stava dominando il mondiale sotto occhi sempre più sgranati di gente allibita che si domandava ma quello lì mica andrà a vincere il campionato nella stagione d’esordio?Ed è successo tutto mentre nella serie dirimpettaia […]

  

MOTOGP – Grazie al Dio GOMMA, finalmente trovato un modo per riaprire il Mondiale. Marquez al box Honda: “Certo ragazzi che siete proprio degli Scemi…”

Non ci sono comunicazioni radio nella MotoGp, però non c’è bisogno di essere GENI o SCEMI per intuire quel che lo spagnolo Marquez, rientrando al box dopo la bandiera nera, stava pensando, dicendo e urlando nel segreto del suo casco. “CERTO RAGAZZI CHE SIETE PROPRIO DEI SCEMI…” Cioè le stesse paroline (compresa la storpiatura della preposizione articolata) dedicate via radio a Monza dal connazionale Alonso al box Ferrari dopo un pasticcio in qualifica di ben più piccola misura (infatti al posto di Marc, Fernando avrebbe usato il napalm, altro che parole e sfottò…). Premesso che nel motomondo il muretto è […]

  

FARSA GOMME ANCHE IN MOTOGP e in MOTO2. Com’è triste il motorsport “ri-MESCOLATO”. Ora è il turno di Bridgestone e Dunlop

Due ruote in meno ma stesso problema. A volere imbastardire la vicenda, magari fra le quattro ruote qualcuno gioirà… Ma no, sarebbe troppo. Diciamo che forse, e togliamo pure il forse, diciamo che magari qualcuno… sorriderà. Phillip Island, Australia, week end potenzialmente da mondiale per prodigio Marquez e invece tutti, proprio come in F1, tutti a parlare solo di gomme, a temere le gomme, a mettere pezze varie per proteggersi dalle gomme. Asfalto nuovo, molto abrasivo, per cui molto buono, ma Bridgestone in MotoGp e Dunlop in Moto2 mica se ne erano accorte. Scelta minima di gomme, materiale non all’altezza, […]

  

Considerazioni sparse sui giornalisti cortigiani ostaggio di una Rossa illusionista e di un Rossi invecchiato precocemente

Last but not least, ora che il panorama delle reazioni al COMMENTO CHE SPACCA!!! è più o meno definito, ora che il piccolo e appassionato popolo dei tifosi che seguono questo blog si è diviso fra gli entusiastici che hanno applaudito le tesi espresse e i contrari che – esagerando e me ne scuso con i diretti interessati –  hanno bollato come imbecilli coloro che applaudivano, ora credo tocchi a me medesimo che ho gettato il sasso – pubblicando il commento macigno di Francoberto – puntualizzare delle cosine. La prima) La Ferrari non ci entusiasma e non ci diverte? – […]

  

IL COMMENTO CHE… SPACCA!!! Lei, questo blog e gli altri. Tutti reticenti sulla Ferrari, su Rossi. Ma cosa ci vuole per dire che una è stata miracolata da Schumi e Valentino è bollito?

  -di Francoberto- Quanta reticenza (tipicamente italiana ) nei suoi commenti! Ma quanto ci vuole a dire che la Ferrari è la “solita”Ferrari… Che in 50 anni di mondiale F1 (riferendoci al 2000) ne ha impiegati ben 21 (!) per rivincere da J. Schekter (1979) a M. Schumacher (2000), rimanendo, a quella data, a bocca asciutta per quasi la metà della storia del Campionato Mondiale F1. E se non trovava Schumacher… Quanto ci vuole a dire che ne ha rivinto solo uno, fortunosamente, dopo di lui. Che, a parte la grande eccezione tedesca non ha mai capito un tubo in […]

  

Il fottuto destino che ha portato via il povero Sean Edwards. Dalle auto al rogo, dal papà eroe a Niki Lauda e il film Rush. E ora Sean potrebbe diventare come Jochen Rindt: un altro campione del mondo postumo

Avrei voluto parlare di Domenicali che spiega “non sono io il problema della Ferrari” perché la F1 non è il calcio “e io non sono un allenatore, sono l’amministratore delegato di una azienda e non è che mandato via me domani si vince …”. Avrei voluto farlo e magari lo farò prossimamente perché credo che l’uomo più criticato dai tifosi ferraristi, forse più ancora di Massa, abbia delle sacrosante ragioni per dire tutto ciò e vorrei approfondirle assieme a voi. Avrei voluto, ma non posso perché la morte di Sean Edwards me lo impedisce. Perché qualsiasi morte lo impedisce derubricando […]

  

il blog di Benny Casadei Lucchi © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>