Rosberg, quinta pole, come papà Keke, l’errore di Hamilton che gli costa la sfida all’ultimo con il compagno Mercedes, la prima linea tutta uber alles, in quinta fila Alonso con errore e auto che non ha velocità, accanto a lui Vettel che per la seconda volta quest’anno non passa in q3 e piazza errorini qua e là e intanto rosica pensando al terzo tempo di sorriso Ricciardo poi ingiustamente retrocesso di dieci posti per le follie decise dai giudici malesi sette giorni fa. Kimi che sta meglio di Fernando ma mica tanto. Punto. Questo è stato.

Il mondo corre a un secondo dal duo Mercedes, il mondo ringrazia Ricciardo, sorriso veloce e simpatia contagiosa, soprattutto talento vero e limpido ebbravi quelli della Red Bull a capirci sempre parecchio. Lui unico Renault a navigare sbattuto qua e là in un mare di Mercedes.

Già, Ricciardo. E con lui i Bottas, i Perez, i Magnussen (ma penso anche ai Kvyat con le Toro Rosso), un’orda di giovani su cui alcuni big team o ex nobili team hanno puntato e stanno ora, a manate, ritirando castelli di fiches sul tavolo verde.

Scommessa vinta, per loro.

Quella stessa scommessa che la Ferrari, non più tardi di qualche mese fa, non si era sentita di fare.

Perché la Ferrari ha bisogno di gente esperta.

E infatti l’esperto Kimi latita, l’inesperto Ricciardo vola.

Adesso le speranze ferrariste di non finire fagocitate in un vortice di niente sono riposte nelle tensioni intestine ai team tedeschi o quasi tedeschi.

Vedi appunto Rosberg ed Hamilton che faranno partenza esplosiva e gara esplosiva per marcare il territorio delle rispettive ambizioni. E così in casa Williams, con Bottas meglio di Massa e i due con tanta voglia di mettere i puntini sulle “i”.

Vedremo se questi quattro sapranno in qualche modo aiutare la Ferrari a recuperare posizioni al via.

Salvo strane cose decise a livello politico, salvo capitomboli in pista, questo è un mondiale già deciso.

Per manifesta impotenza degli inseguitori.

 

 I TEMPI

 1. Nico Rosberg          Mercedes             1m33.185s
 2. Lewis Hamilton        Mercedes             1m33.464s  +0.279s
 3. Daniel Ricciardo      Red Bull-Renault     1m34.051s  +0.866s
 4. Valtteri Bottas       Williams-Mercedes    1m34.247s  +1.062s
 5. Sergio Perez          Force India-Mercedes 1m34.346s  +1.161s
 6. Kimi Raikkonen        Ferrari              1m34.368s  +1.183s
 7. Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m34.387s  +1.202s
 8. Felipe Massa          Williams-Mercedes    1m34.511s  +1.326s
 9. Kevin Magnussen       McLaren-Mercedes     1m34.712s  +1.527s
10. Fernando Alonso       Ferrari              1m34.992s  +1.807s
Q2 
11. Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m34.985s  +1.277s
12. Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes 1m35.116s  +1.408s
13. Daniil Kvyat          Toro Rosso-Renault   1m35.145s  +1.437s
14. Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Renault   1m35.286s  +1.578s
15. Esteban Gutierrez     Sauber-Ferrari       1m35.891s  +2.183s
16. Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m35.908s  +2.200s
Q1 
17. Pastor Maldonado      Lotus-Renault        1m36.663s  +1.789s
18. Adrian Sutil          Sauber-Ferrari       1m36.840s  +1.966s
19. Kamui Kobayashi       Caterham-Renault     1m37.085s  +2.211s
20. Jules Bianchi         Marussia-Ferrari     1m37.310s  +2.436s
21. Marcus Ericsson       Caterham-Renault     1m37.875s  +3.001s
22. Max Chilton           Marussia-Ferrari     1m37.913s  +3.039s
Tag: , , , , , , ,