– di Gian Carlo Minardi –

Il conto alla rovescia è iniziato…    Mancano 5 Gran Premi alla chiusura del Mondiale e praticamente tutto è ancora in ballo. Il menù è di quelli ghiotti con 4 appuntamenti tradizionali e 1 che vale addirittura doppio.

Se nel passato Suzuka è stato teatro di risultati importanti e titoli assegnati, oggi invece la situazione è molto diversa. In casa Mercedes, Lewis e Nico sono praticamente appaiati e l’affidabilità avrà un ruolo importantissimo. Vedremo chi riuscirà a primeggiare e prendere quel vantaggio, anche psicologico, per affrontare al meglio la novità di Sochi. Alle loro spalle ci sono lotte serrate per la conquista del terzo posto tra i Piloti e Costruttori. Insomma, c’è tanta carne al fuoco, anche perché parliamo di un tracciamo molto impegnativo, sotto tutti gli aspetti. Per il pilota, la macchina e le gomme.

Ancora una volta si preannuncia un week-end incandescente anche nel dietro le quinte. Da una parte abbiamo la Honda determinata a portarsi a casa un top-driver e avrebbe voluto usare il Gp di casa per annunciare i propri programmi. Dall’altra una Ferrari taciturna che, al di là del processo di rinnovamento avviato, potrebbe preludere a cambiamenti in arrivo. Da quello che leggiamo, Maranello sarebbe anche pronta a fare a meno del suo Numero 1. Ma dalle informazioni in mio possesso, Fernando non ha nessuna intenzione di andarsene. Piccola parentesi: fossi io a dover rifondare il team, partirei dai punti fissi – piloti – senza regalare un vantaggio ulteriore agli avversari.

Durante le prime prove libere del venerdì assisteremo anche all’esordio del baby-Verstappen, pronto al grande salto dalla F3 FIA European al Circus della F1. Sarà interessante seguirlo fin dall’inizio. Durante il test ad Adria (300 km) è andato molto bene. Dovrà scendere in pista cercando di non strafare, con l’obiettivo di usare giri in ottica 2015, anche perché parliamo di un circuito difficile.

Il prossimo 11-12 ottobre Verstappen, Fuoco, Giovinazzi & C. arriveranno all’Enzo e Dino Ferrari di Imola per l’ultima tappa del F3  FIA European. Per l’occasione divideranno pista e paddock con i fratelli-minori dell’Italian F4 Championship, la nuova serie voluta fortemente dalla Federazione Internazionale per creare il primo passo verso il professionismo. Una sorta di passaggio di testimone tra la Formula 4 e la Formula 3.  Proprio i nostri ragazzi del F4 hanno infiammato il pubblico di Monza lo scorso fine settimana con sorpassi e lotte.

Segnatevi l’appuntamento. Io vi aspetto tutti a Imola.

Tag: , , , , , ,