image
– di Gian Carlo Minardi –

Austin, uno dei migliori circuiti usciti dalla matita dell’architetto Tilke. 5513 metri, molto tecnici, lungo i quali si articolano venti curve, da ripetere per cinquantasei volte. Rispetto a Sochi, dovremo avere temperature più alte anche se il meteo parla di prove libere e qualifiche bagnate, con gara asciutta.

La Pirelli ha portato mescole Soft e Medium, non certo ottimali per alcune scuderie come la Ferrari. Con la lotta al titolo ormai chiusa in favore di Lewis Hamilton, tutta l’attenzione sarà rivolta verso il duello inaspettato tra Nico Rosberg e Sebastian Vettel, per il secondo posto nel mondiale. Nico ha sicuramente  tutto da perdere, sia nei confronti del compagno di box che della Mercedes, mentre per Seb e la Ferrari sarebbe il raggiungimento di un grande risultato.

Sul fronte politico, gli importanti cambi di regolamento proposti a Ginevra dai motoristi terranno certamente banco. Mercedes, Ferrari, Renault e Honda vorrebbero evitare il freezing e aggiornare le unità anche nel corso del 2016 con  32 gettoni. Una boccata d’ossigeno per Honda e Renault. In pratica quello che sta succedendo quest’anno. La palla passa ora alla F1 Commission. I Team Principal quindi saranno impegnati in varie riunioni con l’obiettivo di raggiungere l’unanimità. Proposte che mi trovano d’accordo poiché crescita e ricerca fanno parte del DNA dei costruttori.

Continua intanto la telenovela sul “cuore pulsante” dei bibitari, Senior e Junior. Anche qui ho l’impressione che non cambierà proprio nulla. RBR e TR resteranno con Renault. Tempi ristretti e costi remano contro al contratto TR-Ferrari. La Red Bull dovrebbe realizzare due gear-box diversificate.

Il venerdì mattina rivedremo un italiano in pista, grazie alla Sauber che schiererà per la quarta volta “Lello” Marciello. E’ da anni che sottolineo l’importanza di dedicare una macchina per team ai giovani durante le prove del venerdì mattina. Male non fanno, se due piloti del calibro di Kubica e Vettel erano stati notati proprio in quelle circostanze. Marciello arriva da una stagione in GP2 difficile e spero possa far vedere il suo valore poiché ha tutte le carte in regola per arrivare in F1.

Tag: , , , , ,