È che non c’è più. Il Pietro, il Mennea. Un fottuto male se l’è portato via stamane. È che non c’entra con la F1 ma c’entra, eccome se c’entra, con le corse, la velocità, il primato. C’entra soprattutto con l’orgoglio di una nazione troppo abituata ad applaudire gli Alonsi e i Massa che guidano italiano ma italiani non sono, troppo assuefatta alle gesta mitiche dei Bolt e dei Messi e di tutto ciò che sappia di primato Made in Altrove. È che nonostante abbia avuto la fortuna di raccontare le ultime tre olimpiadi non ho avuto la fortuna di rivivere […]