G. P. d’Italia – D’un colpo, sul tetto velocistico del mondiale, la contesa tecnica quadrangolare si è ridotta a un semplice duello Ferrari-Rbr, sotto il segno dell’efficienza aerodinamica e dell’effetto-suolo, tolte le ali posteriori ad alto carico e dopo il clamoroso tracollo delle British-Mercedes e delle Fintelotus, indipendentemente dagli incidenti iniziali di Hamilton e di Raikkonen. Ed è stato un duello veramente aperto, in cui il Cavallino poteva a buon titolo confidare nella vittoria, senza il condizionamento di una posizione sfavorevole nella griglia di partenza, in seguito a un Alonso sempre sottotono in qualifica, pur positivo nei ritmi di gara, […]