A Wimbledon va in scena la caduta degli dei. Rafa Nadal, Roger Federer, Maria Sharapova non ci sono più dopo appena tre giorni di Championships. Tre tonfi che più clamorosi e imprevisti non si può. Anzi, forse qualcuno come Claudio Giua di Repubblica dice di averlo previsto. Comunque sia, per noi amanti di tennis ma non tecnici specialisti, questa triplice caduta, completata dalle sconfitte di Wavrinka ad opera di Hewitt e dal ritiro di Tsonga, lavorato ai fianchi da Gulbis, uno che già a Roma aveva fatto vedere i sorci verdi a Nadal, questo triplete di flop, dicevamo, è una […]