La violenza con la quale la propaganda gay cerca di abbattere chiunque manifesti dubbi verso le pretese omosex rischia di danneggiare anche le richieste che sono giuste (come, a mio avviso, le unioni civili). La lista di proscrizione dei parlamentari del Pd contrari alla stepchild adoption pubblicata su gay.it è un esempio cristallino dello squadrismo degli estremisti gay. Ormai chiunque si opponga – a ragione o a torto – ad assecondare tutte le richieste della comunità gay, o solamente ne voglia discutere, finisce sulla graticola. Additato. Messo all’indice. Come succedeva nei tempi bui proprio con gli omosessuali. Un contrappasso che sa di vendetta. Una vendetta sciocca che colpisce tutti, indiscriminatamente, anche chi cerca semplicemente di argomentare su una questione così complessa e sensibile. Invece no, gli integralisti dei diritti Lgbt, e tutte le altre diavolo di lettere che volete aggiungere a questa sigla,  non vogliono discutere. Vogliono solamente aver ragione. Chi non gliela accorda incondizionatamente è un clerico fascista, oscurantista e ovviamente omofobo. Una posizione talmente ottusa – e antidemocratica – che finisce per danneggiare tutta la comunità omosessuale. Perché in realtà si tratta di una minoranza di talebani che si credono maggioranza e giocano a fare i totalitari, coprendo di contumelie chiunque osi mettersi di traverso.

SEGUIMI SU FACEBOOK