Internet è un fenomeno molto diffuso, in Italia 38 milioni di persone accedono alla rete. Quasi tutte le testate cartacee hanno le rispettive edizioni online, le aziende comunicano e vendono attraverso il web, i politici usano la rete e i social network per creare un contatto immediato con il fan e l’elettore. Tutto bello e tutto idilliaco, qualcuno lo definisce anche “democratico”; non proprio, vediamo il perché. Prima di arrivare al nocciolo della questione, vorrei introdurre un neologismo sintattico, che mi piacerebbe entrasse nel lessico comune, che ho conosciuto in Asia, più precisamente in Cina: “L’esercito d’acqua”. Tranquilli, non stiamo […]