Risultati della ricerca

“To the wonder”: finchè gioia non vi separi

[youtube VQCArKnEju0 nolink] Finché gioia non vi separi. Lo potremmo sintetizzare così, un po’ azzardando. E’ To the wonder. Firmato Terrence Malick, il regista della Sottile linea rossa e The tree of life, che gli valse la Palma d’oro a Cannes nel 2010. E il film, nonostante abbia deluso la platea della Mostra del cinema di Venezia nel 2012, ha l’ambizione di porre allo spettatore interrogativi esistenziali ai quali sembra non offrire risposta. Ognuno metterà arbitrariamente la propria. Già, finché gioia non vi separi. Ovvero: può il dolore unire chi si ama, più dello stesso amore… E infine: questo stesso […]

  

Locarno 17 / L’Alabama razzista in “Did you wonder who fired the gun”

diddid1

Due famiglie. Una era morta, l’altra filmava   Un delitto nero nell’Alabama razzista di metà Novecento rimasto senza colpevoli apparenti. A distanza di oltre mezzo secolo la memoria di chi sparò non è mai stata violata e la vittima giace in una tomba anonima in qualche cimitero sperduto dello stato americano. Travis Wilkerson, discendente di S.E. Branch, sospettato di aver ucciso il nero Bill Spann nel suo negozio di alimentari, fruga tra le pieghe della sua famiglia nella certezza di trovare la verità dopo decenni di mistero. E invece. La giustizia che mai punì – e nemmeno accertò – la […]

  

“Song to song”, le sette note di Malick

S1DSC_2102.NEF

Musica e sentimento con un denominatore comune. La passione. E non significa solo innamoramento, ma anche il desiderio di spendersi senza riserve per ciò che si ama fare. Il risultato è il prodotto di vite che sfidano i giorni e il loro mutevole cambiare e cambiare. Trasformarsi in qualcosa e arrivare a sfiorare la metamorfosi nel loro opposto. Song to song di Terrence Malick è la sintesi di una trama imperniata sulla figura centrale di BV (Ryan Gosling di La La Land), un musicista che cerca fortuna con l’aiuto di Cook (Michael Fassbender  di 12 anni schiavo e Knight of cups […]

  

“Knight of cups”, tarocchi dell’amore fanno crescere soltanto gli sbadigli

"Knight of Cups"knight1knight2

Siamo come le nuvole, che vanno e vengono. “Per sempre” non esiste.   Overdose di immagini e parole. Malate. Come gli occhi del protagonista e il cuore di un uomo che non sa più guardare né dentro né fuori da se stesso. Un accavallarsi spontaneo e costruito di sequenze che alternano una presunta aridità naturale al corrispettivo asciutto di un animo umano senza capacità di comunicazione. Eppure l’evocato deserto è fonte di vita e, in fondo, anche l’uomo stesso lo è. Le parti si confondono come se fossero inserite in un frullatore. La memoria della moglie da cui è separato […]

  

“Molly’s game”: il ko della Bloom, principessa onesta del poker

MOLLY'S GAMEMOLLY'S GAMEMOLLY'S GAME

Ho un nome soltanto, Charlie, e non voglio buttarlo via. Sono colpevole.   Quella di Molly Bloom è una storia vera e nemmeno granché datata. Correva l’aprile del 2013 quando la donna fu arrestata da 17 uomini armati fino ai denti nel letto della propria casa. Ed erano più di due anni da quando era stata chiusa la bisca clandestina del poker, gestita da lei. Ex sciatrice, ritiratasi dalle gare per un grave incidente, aveva cercato fortuna a Los Angeles finendo però nel giro del gioco illegale. O meglio. Ai limiti del lecito. Quando Molly Bloom litigò con il volgare […]

  

E ora Birdman diventa un giornalista “Il caso Spotlight” fa notizia

sp4sp1sp2S_07251.CR2

Il caso Spotlight di Tom McCarthy non è un documentario. È necessario sgombrare il campo dai dubbi prima che sorgano, perché il film sembra davvero ciò che in realtà non è. Tuttavia, va altrettanto spiegato e chiarito che Il caso Spotlight non è nemmeno finzione cinematografica. E allora, sembra legittimo chiedersi che cosa sia. O a quale genere meriti di appartenere. La risposta è che forse appartiene al tutto e al nulla allo stesso tempo e l’unica categoria in cui ha diritto di inserirsi è quella – insolita quanto fantasiosa – delle pellicole sul giornalismo. Un filone densissimo che da un passato […]

  

“Revenant”: redivivo anche il pubblico

reve1reve3reve4reve2

Finché hai un attimo di vita continua a combattere   Un’odissea moderna. Un Ulisse che ha il volto di Hugh Glass, cacciatore assalito da un orso e ridotto in fin di vita, che – per la sua volontà d’acciaio e la sua tempra indomabile – riesce a non soccombere, nelle condizioni più estreme di alcune delle regioni dal clima più inospitale degli Stati Uniti. A condurlo al traguardo di una sorta di Itaca spersa nel nulla di ghiacci e praterie, è una Penelope con il volto di un’indiana d’America, sposa del protagonista, in viaggio con un Telemaco dalla sorte segnata. […]

  

Gaffe e papere ti rovinano la vita? “Questione di tempo”: riavvolgila

Puoi viaggiare nel tempo quanto vuoi ma non puoi costringere qualcuno ad amarti           Era uno di quei maledetti Capodanni. Tappi che saltano. Champagne che lanciano le loro bolle brillanti verso l’alto. Trombette che spernacchiano felicità fasulle, convinte che il domani sia sempre e solo miniera di gioia. E lo è in egual misura in cui è anche riserva di tristezza, però. Ma in quell’attimo – non importa con chi e perché – schioccano baci veri dal retrogusto finto. Baci appassionati. Baci sensuali. Come se fosse per sempre. Invece è solo per quella volta lì. E […]

  

BLISS

  Che cos’è la realtà…  Una galleria di falsi.   La quotidianità come una sfilata di cloni. Persone finte, frutto di fantasia o proiezioni computerizzate. Fantasmi della quotidianità in una dimensione fittizia che ha i contorni di un inferno, disegnato da una mano digitale. Il mondo, insomma, sarebbe migliore ma una sorte vigliacca ha sottratto l’uomo al paradiso per precipitarlo nella finzione. O almeno così lo “vede” Isabel, che vive di espedienti in un accampamento sotto un cavalcavia, in una città senza nome e senza geografia. A inciampare in lei è Greg, fresco di divorzio dalla moglie e di licenziamento […]

  

“La stanza delle meraviglie” è magia: come sentire la voce del mondo

WonderStruckWonderStruckWonderStruckWonderStruck

Tutti giacciono nel fango, ma qualcuno guarda le stelle.   Due bambini e un destino fatto di niente. La rincorsa. La ricerca. L’umano evaporato nel nulla. Il mistero che toglie senza dire. Senza dare spiegazioni. È il padre, per il piccolo Benji. È l’attrice dei sogni e la chimera delle sue ambizioni per la dolce Rose. Li unisce un difetto fisico. Non sentono. Lei congenita, lui per un incidente. Li divide un’epoca. La bambina fugge  cinquant’anni prima di Benji. Entrambi rincorrono un miraggio setacciando cinema e musei, lasciandosi guidare dall’istinto dei libri. Le loro strade – innocenti vie di bambini sagaci – […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>