“Thermae Romae” all’orientale: andata e ritorno dal passato

Ma cosa fanno questi uomini dagli occhi allungati…             Passato e presente che s’incrociano. S’intersecano. Si accavallano. Si sovrappongono, perfino. E si confondono. Lo ieri di un’antichità romana. Gli anni dell’imperatore Adriano. L’oggi affidato a un’aspirante disegnatrice dagli occhi a mandorla. Giappone profondo. Tokyo. Una vita di speranze nel futuro. E di neanche tanto cortesi dinieghi della quotidianità. Poi la rivoluzione. Un uomo che piove dal nulla. Accompagnato dall’acqua, elemento costante di un transfert inarrestabile sulla linea del tempo. Thermae Romae di Takeuchi Hideki è un viaggio che oscilla tra duemila anni e oltre. Mangiati […]

  

Amore e guerra sotto il Vesuvio: “Pompei” di ieri con gli occhi di oggi

Uomini che si uccidono per farci divertire… Questo non è sport.         Era il 24 agosto. Ed era da poco passato mezzogiorno. Scoccava l’anno 79 dopo l’avvento di Cristo e si dice che, allora, Pompei fosse la più ridente e allegra mecca dello svago in tutto l’impero romano. Dicono che fosse piena di bordelli. Taverne. Osterie. Ma a quell’ora il Vesuvio impazzì. Vomitò cenere e fiamme alte chilometri. La sua vetta si abbassò di seicento metri per la violenza esplosiva. Una colonna di fumo oscurò il sole. Annerì il cielo. Un terremoto squarciò le viscere della terra. […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>