L’ultimo viaggio di “Ella & John”: ottantenni che non si arrendono

Così è la vita. Un decorso post matrimoniale con tante luci che inevitabilmente riflettono qualche ombra, abilissimamente tenuta – appunto – nell’ombra dal protagonista. Due figli diversissimi. Scanzonata, indipendente e intraprendente la femminuccia, un po’ bamboccione molto mammone il maschietto. Un’anzianità serena fino all’arrivo di due signori che si insinuano in punta di piedi nelle viscere e mordono fino al giorno in cui esplodono. Salgono in superficie. Uno ha un nome tedesco derivato dallo psichiatra e neuropatologo che scoprì la sintomatologia, Alois Alzheimer. Un cognome innominato. Meglio un giro di parole innocente. “Il papà ha i suoi momenti”, che significa […]

  

La solitudine di “Mr Holmes” rimasto senza il più elementare Watson

“La morte, il lutto, il pianto sono convenzioni. Solo la logica è sacra”.   L’ultimo caso fu il più spinoso. E convinse il detective più noto del mondo ad andare in pensione. Tuttavia la favola divenne un libro e scavò con la fantasia nelle storie fantastiche di un personaggio di carta. Mai esistito. Se non in un’altra fantasia. Quella di Arthur Conan Doyle. Fervida al punto di contagiare il cinema con un investigatore che è finito perfino nei cartoni animati. Eppure non bastò sir Arthur per scrivere di Sherlock Holmes e Mitch Cullin ha tentato di mettere il cappello sul […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>