Una delle parole più abusate del Venti-Venti è eroe. Tuttavia sentirla ripetere a proposito del film di Todd Haynes, Cattive acque, dà una sensazione ben diversa da qualsiasi altro contesto. Vigila da artefice di quella che ispira il racconto di fatti realmente accaduti. Ed è verità. Cattive acque non è soltanto eccellente dal punto di vista cinematografico, lo è anche in una prospettiva sociale e in quella che dovrebbe essere la missione comune degli uomini del terzo millennio. La lotta alle bugie, inquinanti non solo metaforicamente, in quanto avvelenatrici di rapporti ma anche causa di intossicazioni e conseguenze letali, come quelle relative […]