Nella vetrina dell’home cinema: “Un sogno per te”, l’amore sotto il Muro

L’amore sotto il Muro nascente in una Berlino divisa a fette come una torta indigeribile.  Il clima della zona sovietica non è affatto consigliabile e chi può – ma soprattutto chi intuisce in anticipo la brutta china – scappa a gambe levate. L’esodo viene arrestato con quel muro che sarà abbattuto solo nell’autunno del 1989 ma intanto saranno molte le esistenze troncate sul fiorire degli anni. Vite non significa solo morti ma pure sentimenti troncati. Lacrime. Cuori spezzati. Un destino che stava per colpire pure Emil e Milou e, invece, si trasforma in una favola quando meno ce lo si […]

  

“Undine”: amore totalizzante e acqua Il mito ermetico rivisto da Petzold

Se mi lascerai, non potrai fare altro che morire.   Amore avvolgente e cristallino. Come l’acqua. Dove tutto nasce e tutto torna alle origini. In mezzo, una costruzione dello spazio e il suo rapporto con il tempo. L’uomo plasma l’ambiente. Fa sorgere città a propria misura ma le forme architettoniche non sono immutabili. Si adeguano alle epoche. Alle necessità. Perfino ai governi e ai regimi. Berlino diventa così un paradigma di ciò che avviene in Undine – Un amore per sempre di Christian Petzold, regista al quale il cinema tedesco si affida per rinascere dopo oltre mezzo secolo di buio pesto. […]

  

“Corpo e anima”, la vita si rivela soltanto un mattatoio di sentimenti

Abbiamo fatto lo stesso sogno, stanotte…   Il mattatoio è una delle forme di mondo in cui viviamo. Puzza di inferno e sofferenza. E non ha gioia. Come certe vite dove non si viene scannati, ma la quotidianità è una sorta di piccola morte che torna e torna e torna. Con ripetitività inquietante. E l’assenza di una speranza che risparmi al domani nuove angosce e sofferenze. Un parallelo che corre sullo stesso binario del titolo del film della regista ungherese Ildikó Enyedi, Corpo e anima, vincitore dell’Orso d’oro all’ultimo festival di Berlino. Il fisico e la mente dei protagonisti rispecchiano l’aridità […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>