Con quell’incubo mi sono addormentato ogni sera e svegliato ogni mattina. Un soldato era morto al mio posto.   Ballare con il destino una danza di morte. Attesa e silenzio. La sorte gioca la sua partita da un Olimpo invisibile. Il mito dell’eroe causa della sua punizione è sotto scacco in un incrocio maledetto di coincidenze. In Israele il crocevia tra la sciagura e il fato è una quotidianità inquietante. Ripetitiva. Sembra quasi tramandarsi di generazione in generazione. Foxtrot di Samuel Maoz, già Leone d’oro alla Mostra di Venezia come miglior film nel 2009 con il suo precedente Lebanon, ha bissato […]