Se vuoi vivere qualcosa, dì la verità…               Il gioco degli equivoci. L’inganno degli equivoci. L’angoscia degli equivoci. Copione largamente frequentato anche sul grande schermo, laddove dare ad intendere qualcosa di diverso dallo scorrere reale dell’intreccio narrativo è cosa tutt’altro che rara. Ti sposo ma non troppo di Gabriele Pignotta si racchiude in questo. Una donna lasciata sull’altare dal promesso marito. Un fisioterapista single in cura da uno psicologo per una delusione d’amore. Una coppia che scoppia. E destini che, magicamente, s’incrociano creando i presupposti per il più classico dei fraintendimenti. Un gioco di […]