Per sua natura Giuda si nasconde. Non necessariamente sarà quello che metterà il pane nel piatto dell’ultima cena. Anzi. Basterà la griglia di un confessionale a celare il volto del traditore all’uomo che verrà offerto in sacrificio. Calvario di John Michael Mc Donaugh può essere letto come un giallo futuribile dove la domanda non è più chi è stato ad uccidere, ma chi sarà ad armare la propria mano. Un meccanismo che è un chiaro riferimento all’Hitchcock di Io confesso ma rischia di essere frainteso e di vedere notevolmente ridimensionato lo spessore di importanza di questo film.  La caccia al […]