L’altra sponda non è solo quella omosessuale. L’altra sponda è quella per le famiglie. Al di qua sta la riserva di caccia. Rimorchio senza risparmio. Rimorchio manifesto. L’altra sponda, quella per la gente comune, non naturista, eterosessuale, con figli al seguito e tutt’altro che dedita all’amore libertino e spudorato è quella al quale la riva gay non guarda mai. Ma è pur sempre l’altra sponda. Il diverso. Un concetto che vale inalterato per i due litorali e cambia solo in rapporto al soggetto. E quando il diverso si avvicina, giunge al contatto, ignorarlo diventa impossibile. […]