“Laurence anyways”, amore oltre i sessi

“Ti stai trasformando in una donna o in un idiota…”   Essere o non essere. Essere a metà. Quella di Laurence è storia nota, di questi tempi. Cronaca di un percorso. Evolutivo o involutivo è giudizio di merito ed ognuno è libero di esprimere il suo. Nella fattispecie, Laurence riceve in dono dal destino uno strano regalo alla vigilia del suo trentesimo compleanno. La consapevolezza di sentirsi donna. Mentre il cuore continua a battere per la fidanzata Fred, giustamente ferita dalla determinazione del compagno a offrire di se stesso – o se stessa – l’appeal femminile. Opposti che convivono e […]

  

Quando l’amore finisce fuori strada, non sempre è “Tutta colpa di Freud”

L’amore è la malattia più diffusa al mondo, ma non è mortale. Tutt’al più ti lascia qualche fazzoletto bagnato…         A ognuno la sua… diversità. Che non necessariamente – attenzione, attenzione – significa omosessualità. Anche se, ovviamente, come pretende ogni storia di diversità che si rispetti, c’è anche quella. E ha le sembianze di una donna. Stufa di delusioni d’amore femminili, decide di diventare eterosessuale. Ma quando lo confida a papà, ne subisce lo sdegno. “Non si cambia sesso e gusti come bere un bicchier d’acqua”. E aggiunge: “Ho impiegato tanto tempo ad accettarti come lesbica e, […]

  

Liberace, un apolide del sesso che ha vissuto “dietro i candelabri”

Ti amo perché mai hai chiuso gli occhi sulle mie disarmonie           Lustrini e paillette. Profumo anni Cinquanta. Amore demodé. E riservatezza. Dietro i candelabri, il buio. Ombre di un sentimento che la luce non può. Non deve. Illuminare. Non erano tempi da uscire allo scoperto, quelli. E Valentino Liberace fu Salvatore, Lee per tutti in America, allo scoperto non uscì mai. Mai sollevò il velo sulla sua omosessualità. Nascosto dietro i candelabri. Dietro fantasmagorici bagni. Dietro piscine con vasche immense e forme curvilinee. Dietro pianoforti disegnati. E pianoforti veri. Ma, finti o reali che fossero, […]

  

“La vita di Adele” politically scorrect

L’amore non ha sesso, l’importante è piacersi. L’importante è essere felici.       Assalto di cromosomi. Frullatore di sensazioni. L’uomo come essere umano, plasmato dalla chimica e dalla biochimica, esce dall’ambiguità dell’adolescenza. E diventa. Uomo. Donna. Finalmente identità. La volontà prende forma. Il desiderio di essere si fa qualcosa di più concreto. Entra nel mondo, in buona sostanza. Un mondo capace di guardare distratto. Ma anche di attaccare, contaminato da pregiudizi radicati come cancri mentali. O mostrarsi disinteressato. Distaccato. E dissolversi. La vita di Adele di Abdellatif Kechiche, che ha sbancato Cannes vincendo il premio più importante, non è […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>