Furono gli anni più difficili, ma li ricordo con una felicità, ma più riassaporata.   Quel pezzo di mondo era andato in frantumi. Il blocco comunista si era sgretolato, l’Unione sovietica non esisteva più e con essa i suoi satelliti navigavano senza bussola in una galassia terrestre che non sapeva più dove andare. Le strade del professor Sergio e del compagno Sergei le hanno unite le stelle, ma questo nessuno lo poteva immaginare. Tranne una radio da amatore che all’improvviso aveva gettato nel disorientamento il regime cubano e nello sconcerto un astronauta “dimenticato” nel cosmo. In realtà lasciato fluttuare senza […]