AMERICAN WOMAN

Una donna che ha perso tutto già in partenza sa ricominciare. Una donna che continua a perdere tutto, non per proprie responsabilità, e ha ancora voglia di ripartire da zero sfida la vita e il destino. E Deb (Sienna Miller già ammirata in American sniper e Il sapore del successo) è una che non si arrende tanto facilmente. La sua è una storia attuale, fatta di abbandoni prima ancora che di abbracci. E si ritrova ragazza madre, con una figlia che inciampa nel passato di quella materna figura e lo fa proprio. Ha un figlio da uno sbandato e si ritrova randagia in casa […]

  

Quando la morte è una liberazione: le scelte sbagliate di “The counselor”

Se continua ad andare avanti su questa strada, arriverà a fare scelte morali che la stupiranno profondamente. Scelte che non si aspettava affatto       Deserto. Come lo è talvolta la selva del cemento cittadino. Come lo sono gli animi. Bruciati dall’aridità dell’assenza. Di vita. E, spesso, di significato. Ruoli confusi e nascosti. Dietro l’effervescenza di lustrini. E la luce di un diamante. Celati dietro una rincorsa al denaro. Slalom tra i codicilli di una legislazione educata. Amori finti e maledetti. Amori a cento all’ora. Amori di sé. Fior fiore del cinismo. Grinta di un ghepardo che corre nella […]

  

The East, scacco matto alla chimica

Aiutami a non essere arrogante. Ma nemmeno debole. Amen. Sono molti i casi di vittime di rapimenti passate dalla parte dei sequestratori. Il più famoso è quello di Patricia Hearst, erede di una dinastia di magnati americani, tra i quali spicca William Randolph, il nonno, che creò un impero nell’informazione popolare e nel giornalismo scandalistico e fu eletto per due mandati alla Camera dei Rappresentanti, senza tuttavia raggiungere il governatorato dello stato di New York a cui puntava. Patricia era la nipotina. Fu sequestrata il 4 febbraio 1974 dall’esercito di liberazione simbionese e passò tra le file dei terroristi. Lo […]

  

I vuoti a rendere di “Just like a woman”

Vuoti a rendere. Ma pur sempre vuoti. Contenitori da riempire di altro, per poi scoprire che è impossibile. Un meccanismo fragile. E al cinema spesso zoppica. Un destino cui non riescono a sottrarsi Marylin e Mona, splendide donne della Chicago sorrounding, che il destino ha preso a schiaffi. La prima alle prese con un marito disoccupato che si fa mantenere da lei e usa i suoi soldi perfino per andare a puttane di nascosto. La seconda  vittima di una suocera arrogante che la tratta da cameriera piuttosto che da nuora. “Just like a woman”, titolo che nulla ha a che […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>