“Tenet” affronta la fine del mondo giocando con eroi senza tempo

Se non vedi il riflesso della tua immagine, non entrare. Altrimenti non uscirai più.   Tenet è una parola d’ordine. Lingua latina, “tenet in memoria”. In buona sostanza, un accesso. Una chiave che apre porte, non sempre buone ma, inevitabilmente, accessi ad altri mondi. E quelli del Protagonista sono diacronici. Ieri. Oggi. Domani. Dimensioni in costante telecomunicazione dove andata e ritorno stropicciano volti e persone continuando ad ammettere che il tempo è manipolabile. L’irreversibile per definizione diventa maneggiabile. Tenet, ultima fatica di Christopher Nolan, è un thriller di spionaggio planetario che tocca tutti i continenti e immagina che un cattivo in fin […]

  

Quell’incompreso “Martin Eden” signore di un destino senza tempo

Porta a casa i soldi, Martin. Non i libri… Martin Eden non è un nome napoletano. Tuttavia può capitare che lo diventi. Non è nemmeno lo pseudonimo di Jack London. Benché, a suo modo, lo sia stato. Martin Eden, insomma, può essere nessuno e tutti insieme. Distintamente o indistintamente. Un crocevia di infinite vite e ambizioni. Speranze deluse. Voltafaccia. E Martin Eden si trasforma in un prototipo che esiste nella finzione letteraria e al cinema. Resta una falsariga. O forse una riga falsa, staccata dal resto dell’universo contro il quale, a sua volta, all’improvviso si ribella. Martin Eden di Pietro […]

  

“Collateral beauty”, il lato brillante nel dramma della quotidianità

La cosa importante è non perdere mai d’occhio la bellezza collaterale.     Tempo. Amore. Morte. Tre compagni di vita non sempre benvoluti. Spesso malvisti. Talvolta ostili. Cinici. Entità nemiche. Ambigui doppi volti che fanno lacrimare e, solo occasionalmente, sorridere. Quotidianità scandita da visi che fanno paura. Personalità che mettono rabbia. E al Tempo, all’Amore e alla Morte scrive infuocate lettere un uomo che ha appena perso la figlia piccola, uccisa da un male improvviso. Tre vite spezzate. La fine della bimba porta con sé quella dei genitori, entrambi incapaci di riprendersi, seppur per diversi percorsi. E allora che cosa […]

  

La lotta contro il tempo e la verità nel “Sangue del mio sangue”

Prigioni diverse. Passato e presente dietro celle senza sbarre. Inferriate virtuali che segregano. Isolano. Separano. Colpe presunte. Attribuite. Mai accertate. E un denominatore comune. In questa geografia cronologica, ieri e oggi si assomigliano sorprendentemente. E poco importa se vien fatto notare che l’auto, come il cellulare e internet segnano un abisso fra il XVII secolo e il terzo millennio. Una voragine molto più ampia dei quattrocento anni che li dividono. Ebbene, quel passato e questo presente sono ancora terribilmente simili nella ricerca della verità. E nel constatare, quasi pirandellianamente, che non ce n’è una sola. Ma ognuno offre la propria, […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>