[photopress:rock4.jpg,full,alignleft]Uno trascorre tutto il giorno a sentire e parlare della musica di oggi, magari si accontenta anche delle cose che passa il convento. Poi però ci sono gli Ac/Dc. Intendiamoci: come mi ha detto Angus Young (quello che c’è nella foto qui di fianco), gli Ac/Dc sono “il gruppo più furbo del mondo perché ha pubblicato 21 album uguali cambiando solo la copertina”. In effetti è così. Però se ‘Back in black’ del 1980 è il quinto disco rock più venduto di sempre negli Stati Uniti e uno dei più venduti in assoluto, qualcosa vorrà pur dire. Niente di sperimentale, niente di raffinato, niente di particolarmente virtuoso. Semplice divertimento. Allora tra poco uscirà il grande dvd ‘Plug me in’, che raccoglie brani da alcuni concerti e una quantità sterminata di rarità, come il loro duetto con Mick Jagger, che è stato una manna. Perciò lo dico subito: sarà il regalo di Natale che faccio al mio lato rock, alla faccia di chi dice che ‘one two three four’ non è un bel passaporto per l’eternità.