Dopotutto è un mistero. I Lacuna Coil sono in questo momento il gruppo rock italiano più famoso nel mondo. Ma in Italia non riescono a sfondare come meriterebbero. Qui di seguito c’è un articolo che ho scritto per il Giornale qualche giorno fa perché sono stanco di ascoltare i lamenti dei rockettari nostrani che si arrabbiano per il disinteresse che qui da noi si riserva al rock. Danno la colpa alla stampa o alle radio, generalmente. Invece no. La colpa è del pubblico, che è sempre meno curioso e sempre più esterofilo. E di questo vorrei parlare con voi. Intanto ecco qui l’articolo.

***********

Facile dire Lacuna Coil. Qui in Italia il loro nuovo album Dark Adrenaline ha debuttato al diciottesimo posto su iTunes. Robetta, dopotutto. Negli States, sì negli Stati Uniti, è entrato subito sul quindicesimo gradino di Billboard, praticamente un botto visto che, giusto questa settimana, Talk that talk di Rihanna è al diciassettesimo.
Ingrandisci immagineIl bello è che i Lacuna Coil sono del tutto italiani, milanesi per la precisione, e che la cantante Cristina Scabbia, ha appena partecipato al disco di Enrico Ruggeri sotto l’egida Rezophonic, uno degli ensemble più creativi ma più sottovalutati dell’intera storia della della musica popolare italiana. Un caso clamoroso di snobismo. Sì ma i Lacuna Coil sono metal, si dirà. No, sono rock, duro e puro. Ma pur sempre rock, mica etnojazz di nicchia. E le radio italiane se ne dimenticano. Di più: anche i giornali e le tv di casa nostra li prendono sotto gamba. Sapete, non sono cantautori impegnati. Non hanno vezzi politici. Non partecipano ai talk show. Loro suonano. Ovunque. Prima di pubblicare il loro nuovo disco, hanno fatto un tour italiano che a differenza di molti altri è risultato tutto esaurito. E per lanciare questo Dark adrenaline negli Stati Uniti si sono imbarcati in un «Gigantour» con Megadeth e Motorhead che li ha portati persino al Madison Square Garden. Tutto esaurito, ça va sans dire. La cosa pazzesca è che nello Iowa o nel Michigan funzionano più che a Milano. Più spettatori. Più risonanza, come si dice?, mediatica. I Lacuna Coil sono un misterioso esempio di come l’italianità non riesca mai a traghettarsi fuori dal circuito musicale rigorosamente compreso tra pizza e mandolino, tra il belcanto alla Bocelli e le melodie mediterranee per nulla sorprendenti. Eppure è possibile. E loro, che non hanno pregiudizi, un po’ ne risentono. Intanto spieghiamoci: avete presente gli Evanescence di Amy Lee? Quelli che hanno mescolato rock, symphonic metal e dark metal? I Lacuna Coil sono arrivati prima. E hanno una migliore resa sul disco. Per chiarire meglio, Cristina Scabbia riesce a essere una dark lady annullando quella distanza tra palco e realtà che spesso è il deficit delle band di questo tipo. E’ un’icona, e si nota dalle copertine dei magazine che riesce a raccogliere in giro per il mondo, da Terrorizer in giù. Ed è una tosta, senza troppi grilli in testa, una di quelle che prima andiamo sul palco e poi ne parliamo. Forse è questo che in Italia non paga visto che qui prima ne parliamo e poi vediamo che cosa si può dire. «Il problema è culturale, l’Italia non è mai stato un territorio rock» ha detto qualche tempo fa a Tgcom 24. Ma non solo. Il problema è anche di location, ossia di luoghi dove una band come i Lacuna Coil possa spiegare fino in fondo quale tipo di musica suoni. Ce ne sono pochi. Watt a tutto spiano. Ma anche sfumature di chitarre, e distorsori quanto basta. Nel lungo percorso dalla new wave of british heavy metal di inizio anni Ottanta e dalla Siouxsie and the Banshess, i Lacuna Coil hanno raccolto la potenza delle chitarre e la malinconia della voce. Poi si sono fermati all’accordatura che gruppi come Machine Head e anche, volendo, Metallica o Pantera e persino Fear Factory hanno imposto alle chitarre soliste o ritmiche. E infine si sono messi sottobraccio la lezione enorme dei Type O Negative di Pete Steele, grande amico di Cristina Scabbia morto per arresto cardiaco nel 2010. Musica malinconica. Chiamatela dark, se volete. Oppure doom, se siete molto alternative. Ma questo è uno spartito che non ha confini, come dimostra Don Gilmore, che ha prodotto i Duran Duran ma anche il nuovo disco dei Lacuna Coil. Due estremi che coincidono. Oppure due definizioni diverse della stessa musica: di qualità, appunto.