Perché dire no alla cannabis legale

Con la consegna alla Corte di Cassazione delle firme necessarie per il referendum sulla legalizzazione della cannabis, inizierà l’iter per la verifica delle firme e la successiva calendarizzazione del referendum che dovrebbe avvenire nel 2022. I motivi per cui votare No al referendum sono molteplici, per questo nasce il “Comitato No cannabis legale” (www.nocannabislegale.it) promosso dalle associazioni Nazione Futura e Italia Comunità con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione (soprattuto i giovani) sul motivo per cui è sbagliata legalizzare la cannabis: Secondo Daniele Saponaro, autore del libro Gioventù drogata. Il pericolo di legalizzare le droghe e co promotore del comitato: “È […]

  

Un manifesto per Roma conservatrice, popolare e liberale

«Una bussola per chi sarà chiamato ad amministrare la straordinaria città di Roma»: nelle parole di Federico Carli, questo l’obiettivo del «Manifesto dei Conservatori per Roma». Il Manifesto porta la firma di un gruppo di intellettuali indipendenti provenienti da varie culture – popolare, liberale e conservatrice – e costituisce una piattaforma di idee, esposte in un decalogo di 10 concetti. Chiave il ruolo di Carli, presidente dell’Associazione Guido Carli, per l’individuazione di un accordo di sui diversi principi e valori che, partendo da Roma, hanno l’ambizione di costituire un riferimento più vasto. “Roma vivrà, Roma non perirà che con l’ultima […]

  

L’eccellenza italiana di Angelo Inglese, il sarto del Principe William e di Trump

A Ginosa, sul primo gradino delle falde meridionali della Murgia tarantina, a pochi minuti dalle millenarie gravine, si trova la bottega sartoriale di Angelo Inglese, un’eccellenza pugliese e italiana che ha vestito principi, primi ministri, presidenti e personalità in tutto il mondo. Dal Principe William a Trump, da Matteo Renzi a Vittorio Sgarbi, i potenti della terra e alcuni dei volti più noti nel nostro paese indossano le camicie e gli abiti confezionati da questo maestro della sartoria che porta avanti una tradizione di famiglia iniziata nel 1955. Tradizione che si unisce alla capacità di innovare e al coraggio di […]

  

Cosa ho imparato vivendo in Ungheria

Dopo tre mesi in Ungheria è tempo di rientrare in Italia ma, come ogni lungo viaggio che si rispetti, il rientro non è mai uguale alla partenza e, a una fisiologica malinconia per ciò che si lascia alle proprie spalle, subentra l’eccitazione per nuove sfide e progetti da affrontare con una nuova consapevolezza, arricchiti da una prospettiva diversa sotto tanti punti di vista. Ho trascorso questi mesi svolgendo una fellowship all’MCC (Mathias Corvinus Collegium), il principale collegio universitario ungherese che è anche un think tank con sedi in tutto il paese. È una realtà in forte crescita con professionisti ungheresi […]

  

“Lasciamo la propaganda fuori dalle scuole” parla il ministro ungherese Katalin Novák

Katalin Novák è una dei principali artefici della politica a sostegno della famiglia e dell’aumento della natalità del governo ungherese. È vicepresidente di Fidesz, ha ricoperto la carica di Segretario di Stato per la Famiglia e gli Affari giovanili, da ottobre 2020 è Ministro per le Famiglie. Novák svolge un ruolo di primo piano non solo nella politica interna ungherese, ma anche in Europa. L’abbiamo incontrata nella sede del suo ministero a Budapest dove ci ha offerto un angolo di trecentosessanta gradi sulla nuova legge ungherese, il rapporto con l’Unione Europea e le politiche a sostegno della famiglia: “il futuro […]

  

“Il liberalismo ha fallito. Il futuro è il conservatorismo” parla Deneen

Patrick Deneen è uno dei più interessanti pensatori americani contemporanei, il suo libro Why liberalism failed è stato un successo internazionale in cui ha messo a nudo i limiti e il fallimento del liberalismo giudicato “un’ideologia e non lo stato finale naturale dell’evoluzione politica umana” originando “nella sua ricerca dell’autonomia individuale, il sistema statale più ampio e completo della storia umana”. Secondo Deneen, professore all’Università di Notre Dame dopo aver insegnato a Princeton e Georgetown, il conservatorismo può rappresentare il futuro delle democrazie. L’aspetto interessante del suo approccio al pensiero conservatore, è la vicinanza con il conservatorismo europeo sui temi economici […]

  

Collegium Intermarium, l’università dei conservatori polacchi

Mentre nelle università dell’Europa occidentale dilaga la deriva del politicamente corretto ed è sempre più difficile insegnare la storia classica e le tradizioni europee – in particolare nelle facoltà umanistiche – senza incorrere in censure, bavagli o proteste, a Varsavia è stato inaugurato il “Collegium intermarium”, la nuova università dei conservatori polacchi. L’ateneo prende il nome dalla teoria politica dell’Intermarium per la creazione di un’alleanza dell’Europa centrale e dell’est dal Mar Nero al Mar Baltico al Mar Adriatico con un preciso progetto geopolitico che espande la visione del gruppo di Visegrad per abbracciare l’area della “Three Seas Initiative” realizzata nel […]

  

Reagan, il conservatore della svolta al Tg2 Dossier

Sabato 24 ottobre su Rai2 alle 23.30, e in replica domenica 25 alle 10, a ‘Tg2 Dossier’ “Ronald Reagan, il conservatore della svolta”, di Miska Ruggeri. A 40 anni dall’elezione a presidente degli Stati Uniti, il ricordo di uno dei piu’ rimpianti inquilini della Casa Bianca, un gigante della storia americana che ha caratterizzato un’epoca. Dagli esordi come radiocronista sportivo agli anni di Hollywood (attore e sindacalista), dal lavoro come uomo-immagine della General Electric ai due mandati come governatore della California. Dai tentativi falliti di conquistare la Casa Bianca al trionfo del 1980. Gli anni della sua presidenza sono stati […]

  

Conflitto in Nagorno Karabakh: parla l’ambasciatrice armena a Roma

Il conflitto tra Armenia e Azerbaijan con il passare delle ore assume dimensioni sempre più preoccupanti, anche alla luce della rivelazione di un aereo dell’aviazione armena, un Sukhoi Su-25 abbattuto da un F-16 turco che sancisce un coinvolgimento diretto della Turchia nel conflitto. Mentre l’Unione europea si limita a un generico appello al cessato il fuoco e l’Italia mantiene un posizionamento neutrale, bisognerà capire come si schiererà la Russia nei prossimi giorni. Il conflitto in Nagorno Karabakh (Artsakh per gli armeni) non ha solo una ricaduta di carattere storico e culturale (l’Armenia è una nazione cristiana mentre l’Azerbajian a larga […]

  

Chi discute della limitazione alle libertà diventa “negazionista del covid”, così come chi esprime idee di destra è un “fascista”

Ieri al Senato si è tenuto un convegno intitolato “Covid-19 in Italia tra informazione scienza e diritto” promosso da Vittorio Sgarbi e da Armando Siri con l’obiettivo di lanciare un “Osservatorio permanente sulle libertà fondamentali”. Tra i relatori giornalisti, intellettuali, professori, filosofi bipartisan e importanti virologi tra cui la professoressa Gismondo, Zangrillo, De Donno, Basseti. Tra i relatori c’era anche Bocelli che ha pronunciato un discorso che ha fatto discutere. Partiamo da un presupposto: il covid esiste, chi dice il contrario mente, il covid ha purtroppo causato centinaia di migliaia di morti in tutto il mondo, dire “non conosco nessuno […]

  

Il blog di Francesco Giubilei © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>