Volete diventare soci di una società innovativa? Fidatevi, è un affare imperdibile che non vi si ripresenterà.
Vi spiego come funziona. Voi acquistate una quota della società, ma è solo simbolica, pochi spiccioli da cui vi prometto ricaverete grandi utili.
Non avrete da preoccuparvi di nulla perché penserà a tutto il Consiglio d’Amministrazione, di cui io sarò Presidente, che deciderà come investire i vostri soldi nel vostro interesse per farli fruttare al meglio. Abbiamo in mente grandi opere che non solo vi porteranno un enorme ritorno economico, ma vi miglioreranno anche la vita.
Non vi annoieremo così con inutili assemblee per approvare il bilancio, perché sarà il CdA a stabilire man mano quanti soldi gli servano per fare i migliori investimenti e per le spese di gestione, ma non sarà neppure necessario scomodarvi per decidere quanti soldi darci e valutare come li abbiamo spesi. Un progetto così grandioso, infatti, avrà innumerevoli costi da sostenere, che voi non avete certo tempo e voglia di analizzare voce per voce, ma potrete essere certi saranno equamente addebitati ai soci nel modo che riterremo più opportuno nel vostro interesse.
Una volta che avremo stabilito quanto ci serve, delibereremo noi gli opportuni aumenti di capitale che non potrete non sottoscrivere, versando i relativi importi, ma sarete contenti di farlo, perché capirete che sono per il vostro benessere. Se questi soldi non dovessero bastare, non vi preoccupate, perché chiederemo dei prestiti a lungo termine di cui ci occuperemo in futuro, nulla che vi riguardi nell’immediato.
Visto che il nostro core business è la vostra felicità, per non pesare troppo su alcune categorie di soci, che vorremo di volta di rendere felici distribuendo loro gli utili, attribuiremo le perdite ad altri soci, che potranno così ripianarle nell’interesse di tutti, perché la solidarietà darà felicità anche a loro.
La società sarà aperta a talmente tanti soci che sarebbe una assurda perdita di tempo riunirli tutti in ogni assemblea, ma abbiamo una soluzione anche per questo. Alla scadenza di ogni mandato del CdA noi vi proporremo dei rappresentanti di nostra fiducia da delegare per venire in assemblea al posto vostro. Poi questi delegati in assemblea ci nomineranno nel CdA e potremo lavorare liberamente.
Certo, perché la società viaggi a gonfie vele e senza inutili intoppi, è necessario che la maggioranza dei delegati non possa metterci i bastoni fra le ruote, per cui abbiamo scritto un regolamento che ci assicuri la loro fedeltà assoluta per tutto il mandato. Se per caso questo regolamento non dovesse essere sufficiente lo cambieremo nel modo migliore per evitare intralci, sempre nel vostro interesse ovviamente.
I delegati saranno pagati per questa fedeltà e rimborsati lautamente di tutte le spese per venire ogni tanto in assemblea ad approvare quello che gli chiederemo. Saremo naturalmente noi a decidere cosa dovranno ratificare. Certo, gli lasceremo un minimo di potere di iniziativa di farci delle proposte, sempre che avanzi tempo perché il calendario delle loro attività al nostro servizio lo decideremo solo noi, per evitare inutili perdite di tempo con proposte che non ci interessano. Se non dovessero essere d’accordo sulle nostre geniali idee, potete star tranquilli che toglieremo loro la rappresentanza e i relativi stipendi, li rimanderemo a casa e li sostituiremo con qualcuno più adatto alle nostre e ovviamente alle vostre esigenze. Voi capite che così nessuno si azzarderà a essere infedele.
Allora vi piace l’idea? Volete fare questo affarone e entrare in questa meravigliosa società?
È molto facile, vi basta venire a votare Sì il prossimo 4 dicembre e sarete soci a tutti gli effetti di questa nuova società. Non importa quanti siate, ma solo che siate più di quei retrogradi che si scomoderanno a votare No, perché non capiscono le meraviglie dell’innovazione in campo societario. Sono un’accozzaglia di reazionari ancora legati alle tradizioni secolari, che vogliono dividere il potere esecutivo da quello legislativo, e convinti di essere solo loro in grado di fare i migliori investimenti con i propri soldi, ancorati all’assurda idea che il potere di gestione debba essere distinto da quello di imporre dei versamenti ai soci.
Sono fiducioso che ce la possiamo fare perché ci sono tanti potenziali soci che non sono interessati a votare, convinti che non cambi nulla tra l’entrare nel futuro di questa società innovativa oppure restare ancorati al passato della vecchia società che tanto li ha delusi.
Ma il bello è che se vinciamo noi, tutti, ma proprio tutti, volenti, nolenti o indifferenti, diventeranno soci di questa meravigliosa società e potranno così godere di tutta la felicità che vi ho promesso.
Non è meraviglioso tutto ciò? Basta crederci.
Vostro Matteo
P.S.: Certo, noi siamo democratici e alla scadenza del mandato di questo CdA potrebbe esserci una maggioranza di altri delegati che voteranno il loro CdA di fiducia, che potrà fare tutto quello che vorrà con i vostri investimenti, ma non ce preoccupiamo ora.

Tag: , , , , ,