Mai come in questa tornata elettorale è apparso evidente il peggior limite dei liberi produttivi: l’individualismo. Già lo preannunciavo come il motivo principale per cui la maggioranza degli italiani continua a farsi comandare dai parassiti, gli unici in grado di fare squadra, e purtroppo non sono stata smentita. E allora, se questa è una caratteristica di coloro che vorrebbero rappresentare i liberi produttivi, meglio prenderne atto e metterla a frutto agendo sul lato positivo di questa medaglia: la competitività. Ogni lib-qualcosa si sente più lib-qualcosa di altri e per questo meglio in grado di far riemergere questo disgraziato Paese dagli […]