sonyNon so se sia possibile davvero diventare come Federer, però insomma se avete qualche aspirazione tennistica un metodo tecnologico esiste. Stamattina a Roma Sony ha mostrato il suo, che arriva dopo quelli lanciati da Babolat e fianco da Decathlon. Il sensore di Sony, che si chiama SSE-TN1W Smart Tennis di Sony, è in effetti interessante: si applica sulle racchette di quattro case che hanno spostato il progetto – Wilson, Head, Prince e ione, sul fondo del manico e si connette semplicemente con uno smart device che sia iOs o Android via bluetooth: a quel punto grazie all’apposita app si può monitorare real time i propri colpi. il dispositivo infatti  registrare una vasta gamma di parametri, tra cui numero di colpi, punto di impatto della pallina, tipo di tiro, velocità di tiro, velocità di rotazione. Il tutto per 180 minuti (con una carica completa) alla fine dei quali si posso trasferire wireless tutti i dati sullo smartphone e sul tablet per fare un’analisi completa della sessione, con la possibilità di tenere lo storico e condividere il tutto sui social (giusto per vantarsi). Interessanti due particolari funzioni: la prima è quella che permette ad un coach di visualizzare i dati su uno smartwatch dotato del sistema Android Wear; la seconda invece è la ripresa live dalla videocamera del telefono che si può poi segmentare e riprodurre in  slow-motion creando pure immagini di sequenze di colpi, per avere in dettaglio il movimento e studiare gli errori da correggere. Insomma, un device utile per gli appassionati che nella prova romana ha destato solo un paio di perplessità: quella per il fatto che pur essendo in vendita da oggi non è stato comunicato il prezzo (appena arriverà lo metteremo), e  quella sull’effettiva velocità dei colpi. Abbiamo visto segnare servizi a più di 180 all’ora ma non è parso di scorgere un nuovo Federer sul campo. Noi, comunque, ci proveremo.

Tag: , , , , ,